Santa Lucia luntana

Santa Lucia luntana

(E. A. Mario) • 1919 Senza dubbio la più bella canzone di E. A. Mario, Santa Lucia luntana esprime la nostalgia dell’e­migrante con accenti sinceri che sanno esprimere una sofferenza viva, ma anche una luce di speranza. I versi, già animati da una musica in­terna quasi drammatica, sono rivestiti da una suggestiva melodia che appartiene…
Scetate

Scetate

(F. Russo-Costa) • 1887 Scetate è considerata la migliore canzone di Ferdinando Russo, abile nel trattare con raffinatezza l’abusato tema dell’innamorato sospirante sotto il balcone della sua amata. Esemplificativi, in questo senso, i versi che più degli altri fanno ricordare Scetate: “è nu ricamo ‘sta mandulinata…/ scetate bella mia, nun cchiù durmí!” Per la melodia composta…
Serenata napulitana

Serenata napulitana

(Di Giacomo-Costa) • 1897 Serenata napulitana è sicuramente una dei risultati migliori della felice collaborazione tra Salvatore di Giacomo e Mario Costa. Fu pubblicata nel 1897 nella Piedigrotta Ricordi con il titolo Serenata napolitana e fu lanciata da Raffaele De Rosa. È il canto senza speranza di un innamorato respinto, che annuncia il suo stesso…
Serenatella a 'na cumpagna 'e scola

Serenatella a ‘na cumpagna ‘e scola

(Galdieri-Bonavolontà) • 1945 Serenatella a ‘na cumpagna ‘e scola fu presentata nella Piedigrotta 1945 e appartiene di diritto alle canzoni piedigrottesche da riscoprire. Il testo gentile e vibrante è retto da una melodia ariosa e orecchiabile, che conferisce alla canzone una quadratura di perfezione classica. Apparentemente una canzone d’amore, Serenatella a ‘na cumpagna ‘e scola…
Serenatella sciuè sciuè

Serenatella sciué sciué

(De Mura-Albano) • 1957 Lo spirito di Serenatella sciuè sciuè è tutto racchiuso nella locuzione avverbiale che ne caratterizza il titolo. Sciué sciué sta indicare un modo di fare veloce, pratico, senza molte pretese ma estremamente efficace. Ferdinando Albano ed Ettore De Mura composero questa canzone in un paio d’ore e senza particolare impegno. Eppure,…
Silenzio cantatore

Silenzio cantatore

(Bovio – Lama) • 1922 Originale nell’invenzione poetica, Silenzio cantatore descrive un singolare paesaggio napoleta­no, immobile e quasi emblematico. Uno spazio immaginifico dove, fra il mare, la luna e il misterioso silenzio di una notte d’estate, si consuma un piccolo dramma d’amore. Il grande fa­scino della canzone risiede tutto in quell’incanto not­turno percorso da una…
Menu