Canto delle lavandaie del Vomero

Canto delle lavandaie del Vomero

(Anonimo)• XIII secolo Un frammento che ha attraversato i secoli per connotare il Canto delle lavandaie del Vomero come uno dei primi esempi di canto popolare napoletano. Si ritiene che sia stato anche utilizzato per protestare contro la mancata ridistribuzione della terra promessa da Alfonso d’Aragona. In questa chiave, i quattro “fazzoletti” citati nel testo…
Canzona marenara

Canzona marenara

(anonimo-Donizetti) • 1835 II testo di Canzona marenara è originario dell’isola di Procida. La parte musicale è scandita da un andamento pacato che lascia spazio alla ripetizione regolare di un cantilenante e malinconicamente gioioso “trallarallallà”. Per molti, la melodia è da attribuire a Gaetano Donizetti. Non vi è dubbio che, paternità a parte, Stendhal ne rimase…
Canzone a Chiarastella

Canzone a Chiarastella

(Di Giacomo – Falvo) • 1913 Canzone a Chiarastella è una composizione elegante e fresca, con versi delicatissimi appoggiati su una melodia semplice ma piena di vivacità composta da Rodolfo Falvo. È una delle poesie più originali di Salvatore di Giacomo. Il testo celebra la riscoperta della purezza del sentimento amoroso, considerato estinto. Le parole lasciano…
Canzone appassiunata

Canzone appassiunata

Canzone appassiunata riprende uno spunto popolare anonimo contenuto nella raccolta di Luigi Molinaro Del Chiaro: “Albero piccerillo te chiantaie / io t’adacquale cui li mieie sudore”. Forse una delle migliori composizioni di E. A. Mario, è un brano senza tempo, considerato simbolo dell’elevato contenuto artistico del canzoniere partenopeo. Molti critici ritengono che Canzone appassiunata sia l’esempio…
Caravan Petrol

Caravan Petrol

(Nisa-Carosone) • 1959 Caravan Petrol nacque da un’ispirazione improvvisa di Renato Carosone. Rivolto a Nicola Salerno, alias Nisa, si racconta che il pianista abbia esclamato: “Nico’, facimmo ‘a storia ‘e ‘nu napulitano che diventa pazzo e va cercando ‘o petrolio a Napule”. Immediata la risposta di Nisa “M’aggio affittato ‘nu cammello…”. All’epoca non si parlava…
Carcerato

Carcerato

(L. Cioffi-G. Cioffi) • 1949 Carcerato è una canzone di giacca che richiama la sceneggiata per il dramma strappalacrime che ne domina i versi. La storia segue un collaudato canovaccio a tinte forti: in galera per un delitto d’onore, il protagonista è straziato dall’impossibilità di riabbracciare la madre morente. Da qui suppliche al secondino, preghiere…
Carmela

Carmela

(G.B. De Curtis) • 1892 All’origine di Carmela c’è un curioso aneddoto legato all’incontro tra Gian Battista De Curtis e Carmela, giovane contadina di Sorrento. Convinto delle sue doti di conquistatore, l’autore fu colpito dalle parole seccate della ragazza: “Cosa faccio? Dormo!”. Quella risposta diventò il leit motiv di una canzone considerata un classico dell’epoca…
Sergio Bruni Carmela

Carmela

Sergio Bruni e Carmela: un binomio entrato nella storia della canzone napoletana per quello che è considerato uno degli ultimi classici. Salvatore Palomba ha raccontato la genesi del brano. Per meglio dire, ha ricordato come nacque l’album Levate ‘a maschera Pulicenella, in cui fu pubblicato per la prima volta. “Fu la lettura del mio primo…
Caruso

Caruso

(Dalla) • 1987 Caruso è da considerarsi la più bella delle “canzoni alla napoletana”, brani in italiano ispirati alla tradizione partenopea. Dedicata agli ultimi giorni di vita di Enrico Caruso, è uno dei capolavori di Lucio Dalla, abilissimo nel mettere in forma di canzone una melodia di impronta lirica. Struggente nel richiamo a Te voglio…
Catarì

Catarì

(di Giacomo – Costa) • 1892 Catarì è considerata una delle massime espressioni della capacità di Salvatore di Giacomo di trasformare il dialetto napoletano in lingua. È stato opportunamente scritto che i versi sembrano animati da colori ad acquerello per il susseguirsi di immaginifici chiaroscuri. Il cielo primaverile fra squarci di celeste e rovesci d’acqua,…
Menu