La storia di Caravan Petrol è quella di un’ispirazione improvvisa che divenne canzone nel giro di pochi minuti. Un fatto non proprio casuale per la coppia Carosone-Nisa, che di trovate subitanee ne ebbero tante, e tutte di successo. Come gli capitava spesso, componevano brani seguendo un processo creativo ben definito. In pratica, si chiudevano in sala di registrazione e, partendo da uno spunto, iniziavano a delineare una storia, cercando le parole giuste e le note adeguate per svilupparla. Successe così per Torero, ‘O sarracino e molte altre. Poteva capitare, però, che su una frase, o anche su un singolo termine, rimanessero bloccati per lungo tempo. E poteva anche capitare che discutessero animatamente. Salvo, poi, a trovare insieme la soluzione geniale. Con Caravan Petrol andò proprio in questo modo.

Storia

Renato Carosone e Nisa nella fiction Carosello Carosone

CARAVAN PETROL, IL CAVALLO E IL CAMMELLO…

“Nicò, dobbiamo fare una canzone sul petrolio.” disse Carosone, intenzionato a sfruttare la popolarità del tema. In quel periodo, infatti, l’Eni aveva avviato delle ricerche anche in Italia ed Enrico Mattei, il suo presidente, godeva di grande fama e altrettanto potere. La risposta di Nisa fu tutt’altro che entusiastica: “Ma che schifo! Io ho fatto sempre canzoni sulle belle femmine”. Insomma, c’era da comporre una canzone ma la sua scrittura si annunciava farraginosa, con i due autori a corto di fantasia o poco convinti.

La situazione iniziò a sbloccarsi quando Carosone ebbe una sorte di visione e disse: “Facimmo ‘a storia ‘e nu napulitano che diventa pazzo e va cercando ‘o petrolio a Napule”. Nisa di rimando suggerì l’incipit: “M’aggio affittato nu cammello”. Un verso perfetto per definire la pazzia di uno che cerca un’animale in un posto dove è impossibile trovarlo. Dopo qualche minuto aggiunse: “M’aggio accattato nu turbante”. “A Rinascente”, rilanciò Carosone: la canzone stava maturando.

La nascita di Caravan Petrol, però, fu messa a rischio da uno scambio di vedute molto acceso. Nisa, ad un certo punto, aveva scritto: “Comme si bello ‘ncopp’ a stu cammello”. Dal canto suo, Carosone aveva proposto di modificarlo per questioni di metriche: “Sarebbe meglio a cavallo a stu camello“. Nisa si spazientì e rispose: “Uè, tu ti devi decidere! O jamme a cavallo o jamme a camello”. Dopo una sfuriata memorabile, passò cavallo a stu camello e fu il successo che sappiamo.

Nel 1960 Caravan Petrol divenne anche un film, diretto da Mario Amendola e interpretato da Nino Taranto, Raffaele Pisu e Lauretta Masiero. Nella storia del brano c’è anche la versione del gruppo israeliano The Jewish Monkeys , che ne ha fatto una cover in chiave ambientalista con arrangiamento in stile klezmer.

TESTO DI CARAVAN PETROL

Mm’aggio affittato nu camello,
mm’aggio accattato nu turbante,
nu turbante â Rinascente,
cu ‘o pennacchio russo e blu.
Cu ‘o fiasco ‘mmano e ‘o tammurriello,
cerco ‘o ppetrolio americano,
mentre abballano ‘e beduine
mentre cantano ‘e ttribbù.

Comme si’ bello
a cavallo a stu camello,
cu ‘o binocolo a tracolla,
cu ‘o turbante e ‘o narghilè.
Gué, si’ curiuso mentre scave stu pertuso.
Scordatello, nun è cosa,
ccá ‘o ppetrolio, nun ce sta.
Alláh. Alláh. Alláh.
Ma chi t’ ‘ha ffatto fá?
Comme si’ bello
a cavallo a stu camello,
cu ‘o binocolo a tracolla,
cu ‘o turbante e ‘o narghilè.

Cu ‘o fiasco ‘mmano e cu ‘o camello,
cu ‘e gguardie ‘nnanze e ‘a folla arreto,
‘rrevutá faccio Tuleto:
nun se pò cchiù cammená.
“Jammo, è arrivato ‘o Pazzariello.
S’è travestuto ‘a Menelicche.
‘Mmesca ‘o ppepe cu ‘o ttabbacco.
Chi sarrá st’Alí Babbá?”

Comme si’ bello
a cavallo a stu camello,
cu ‘o binocolo a tracolla,
cu ‘o turbante e ‘o narghilè.
Gué, si’ curiuso mentre scave stu pertuso.
Scordatello, nun è cosa,
ccá ‘o ppetrolio, nun ce sta.
Alláh. Alláh. Alláh.
Ma chi mm’ ‘ha ffatto fá?
Comme só’ bello
a cavallo a stu camello,
cu ‘o binocolo a tracolla,
cu ‘o turbante e ‘o narghilè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu