‘O sarracino

‘O sarracino è uno dei tanti successi della premiata ditta NisaCarosone. Anzi, è uno dei principali successi di Nicola Salerno e Renato Carosone. Naturalmente, insieme a Maruzzella, Tu vuò fa l’americano, Pigliate ‘na pastiglia, Torero e Caravan Petrol. E, come per molte canzoni carosoniane, anche questa ebbe una genesi curiosa. La sua storia inizia una mattina del 1958. Con una telefonata.

Renato Carosone e la sua band alla BBC

Renato Carosone e la sua band alla BBC

‘O SARRACINO E LA NAVE BIANCA

A ricordare come nacque la canzone fu lo stesso Renato Carosone. Vincenzo Mollica ne propose il racconto in un bel libro pubblicato nel 1981, intitolato proprio Renato Carosone (Lato Side editori). Ecco le parole del pianista dal sorriso contagioso.

“Una mattina telefonai a Nisa, che abitava vicino a me, dicendo: «Ho uno spunto». Dopo tre minuti era a casa mia. «Nicò — dissi — ho un bel titolo: ‘O sarracino. Mi piacerebbe fare una canzone in cui si descrive l’arrivo nel golfo di Napoli di una nave bianca. Con sopra un bel negro, tipo Harry Belafonte. anche lui vestito di bianco, che fa impazzire tutte le ragazze. Questo negro potrebbe essere ‘O sarracino, cioè un saraceno, ma americano».

«Ma perché deve essere proprio americano sto sarracino», rispose Nisa. «Nicò, se mi togli il negro finisce la canzone». «Non ti preoccupare», disse sicuro di sé Nisa, «per me ha da essere napoletano». «Ma come si fa?». «Lo abbronziamo», fu questa la risposta geniale di Nicola. Era veramente grande: ‘nu bello guaglione napoletano coi capelli ricci e ‘o sole ‘nfaccia. «Fammi sentire il ritmo che cominciamo…» e cominciammo”.

Nicola Salerno in arte Nisa

Nicola Salerno in arte Nisa

‘O SARRACINO, UN’ANALISI TECNICA

‘O sarracino è stata considerata una canzone napoletana satirica. Il motivo sta nella sottile ironia che pervade i versi di Nisa. II sarracino è un’affascinate giovane dalla pelle abbronzata, i capelli ricci, lo sguardo ammaliatore. Con una sigaretta in bocca e la mano in tasca «se ne va smargiasso pe’ tutt’a città» facendo sospirare le ragazze. Il punto, però, è che il suo essere smargiasso viene messo in crisi da una rossa, Che gli ruba «anema e core» e così gli fa perdere la fama di malandrino e tentatore.

Da un punto di vista musicale, invece, la canzone è caratterizzata da una melodia sinuosa e ammiccante, ricca di cromatismi e intervalli di quarta aumentata. Queste geniali soluzioni di arrangiamento conferiscono al brano un sapore orientaleggiante. Un sapore perfettamente coerente con il titolo.

I PRINCIPALI INTERPRETI

Renato Carosone è, ovviamente, il più importante interprete. Molte altre versioni, però, si segnalo per originalità di esecuzione o di rilettura. In questo senso, quella di Edoardo Bennato merita una segnalazione: molto azzeccato il suo andamento reggae. Dal tono contemporaneo, invece, il riarrangiamento scelto da Franco Ricciardi e Ivan Granatino. Da segnalare, poi, le versioni di Fiorello e di Gigi D’Alessio oltre a quelle di Renzo Arbore, Neffa e Tullio De Piscopo. Poche, invece, le interpretazioni femminili: quella di Lina Sastri su tutte.

IL TESTO DI ‘O SARRACINO

(Nisa-Carosone) • 1958

‘O sarracino, ‘o sarracino,
bellu guaglione.
‘O sarracin, ‘o sarracino,
Tutt”e ffemmene fa suspirá.

E’ bello ‘e faccia, è bello ‘e core.
Sape fá ‘ammore, E’ malandrino, è tentatore.
Si ‘o guardate ve fa ‘nnammurá.

E na bionda s’avvelena.
E na bruna se ne more, E’ veleno o calamita?
Chisto a ‘e ffemmene che lle fa?

‘O sarracino, ‘o sarracino,
bellu guaglione, E’ bello ‘e faccia, è bello ‘e core.
Tutt”e ffemmene fa ‘nnammurá.

‘O sarracino, ‘o sarracin,
bellu guaglione.
‘O sarracino, ‘o sarracin,
tutt”e ffemmene fa suspirá.

E’ bello ‘e faccia, è bello ‘e core.
Sape fá ‘ammore, E’ malandrino, è tentatore.
Si ‘o guardate ve fa ‘nnammurá.

Ma na rossa, ll’ata sera.
Cu nu vaso e cu na scusa
t’ha arrubbato anema e core.
Sarracino nun si’ cchiù tu.

(rit)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu