E.A. Mario scrisse il testo di Canzona appassiunata trovando ispirazione nella raccolta Canti popolari di Luigi Molinaro Del Chiaro. “Albero piccerillo te chiantaie / io t’adacquale cui li mieie sudore:/ venne lu vient’ e te tuculiaie./la meglia cimma me cagnaie culore”: questi i versi anonimi da cui derivò uno dei più famosi incipit della canzone classica napoletana.

LA STORIA DI CANZONA APPASSIUNATA

L’eclettico compositore napoletano pubblicò Canzona appassiunata in occasione della Piedigrotta 1922. Poche settimane dopo la presentò anche a New York, cantandola dal vivo lui stesso nel corso di uno spettacolo per emigrati. L’accoglienza fu calorosa e replicò oltreoceano il successo che il brano aveva riscontrato rapidamente a Napoli. A proposito del suo successo, va ricordato un gustoso aneddoto legato a Gennaro Pasquariello. In rotta con E.A. Mario per motivi professionali, il celebre cantante aveva giurato che non avrebbe mai più cantato un suo brano. Eppure, la bellezza di Canzona appassiunata lo colpì profondamente.

Fu così che, nonostante tutto, si procurò la partitura del brano e poco dopo la sua pubblicazione cominciò a cantarlo. contribuendo in maniera decisiva alla sua popolarità. Non sapeva ancora che l’autore l’aveva composta pensando proprio a lui come interprete ideale. Pasquariello lo seppe quando E.A. Mario si trovava negli U.S.A.: la scoperta lo convinse a riprendere i rapporti con la cordialità di sempre. E a chiedere al profilico musicista di portargli una canzone dall’America. Ben contento di ritrovare un’artista che stimava tanto, E.A. Mario fu di parola e, al suo ritorno, gli sottopose l’inedita Core furastiero, scritta a New York. Il testo portava la firma di Alfredo Molina, la musica, invece, l’aveva composta lui. Pensando alla voce di Pasquariello.

GLI INTERPRETI

I critici considerano Canzona appassiunata una delle migliori composizioni di E. A. Mario: un brano senza tempo, esempio perfetto della forte tensione creativa di cui è capace l’ansia di canto del napoletano. Ricco di allusioni e allegorie, il testo poggia su una struggente melodia, soluzione ideale per una dinamica espressiva assolutamente unica.
Armida Cozzolino fu la prima interprete della canzone che, come detto, deve il suo vero successo a Gennaro Pasquariello. Nel corso del tempo ha conosciuto numerosi interpreti, tra cui Mina, Milva, Peppino Gagliardi, Lina Sastri. In occasione del centenario della composizione, la Fondazione Bideri ha rilanciato Canzona appassiunata con due raffinate versioni. Una interpretata da Filly Lupo in chiave tango e una eseguita da Ernesto Nobili, che ne ha fatto una trasposizione strumentale di grande suggestione.

IL TESTO DI CANZONA APPASSIUNATA

N’albero piccerillo aggiu piantato,
criscènnolo cu pena e cu sudore.
Na ventecata giá mme ll’ha spezzato
e tutt’ ‘e ffronne cágnano culore.
Cadute só’ giá ‘e frutte e tuttuquante,
erano doce, e se só’ fatte amare.
Ma ‘o core dice: “Oje giuvinotto amante,
‘e ccose amare, tiénele cchiù care”.
E amara comme si’, te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.

Era comm’ ‘o canario ‘nnammurato,
stu core che cantaje matina e sera.
“Scétate” io dico e nun vò’ stá scetato.
E mo, nun canta manco a primmavera.
Chi voglio bene nun mme fa felice,
forse sta ‘ncielo destinato e scritto.
Ma i’ penzo ca nu ditto antico dice:
“Nun se cummanna a ‘o core”. E i’ mme stó’ zitto.
E mme stó’ zitto, sí,te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.

Chiagno p’ammore, e cade ‘o chianto mio
dint’a ‘sta testa: ‘o chianto ‘a sta arracquanno.
Schiòppa na bella rosa e i’, pe’ gulio,
a chi mm’ha fatto chiagnere nce ‘a manno.
Lle dico: “Rosa mia tu mme perduone
si te scarpesarrá senza cuscienza”.
Ce sta nu ditto ca mme dá ragione:
“Fa’ bene e scorda e si faje male penza”.
Pènzace buono sí, te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.

E A Mario

E. A. Mario

 

Radio Napoli

Clicca qui e ascolta Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu