Canzona appassiunata riprende uno spunto popolare anonimo contenuto nella raccolta di Luigi Molinaro Del Chiaro: “Albero piccerillo te chiantaie / io t’adacquale cui li mieie sudore”. Forse una delle migliori composizioni di E. A. Mario, è un brano senza tempo, considerato simbolo dell’elevato contenuto artistico del canzoniere partenopeo.
Molti critici ritengono che Canzona appassiunata sia l’esempio perfetto della forte tensione creativa di cui è capace l’ansia di canto del napoletano. Ricco di allusioni e allegorie, il testo poggia su una struggente melodia, soluzione ideale per una dinamica espressiva assolutamente unica.
E.A Mario compose Canzona appassiunata nel 1922. Fu lanciata da Armida Cozzolino e portata al successo da Gennaro Pasquariello, ha conosciuto negli anni centinaia di interpreti. Tra quelle di epoca moderna, si segnalano le versioni di Mina, Milva, Peppino Gagliardi, Lina Sastri.

TESTO DI CANZONA APPASSIUNATA

N’albero piccerillo aggiu piantato,
criscènnolo cu pena e cu sudore.
Na ventecata giá mme ll’ha spezzato
e tutt’ ‘e ffronne cágnano culore.
Cadute só’ giá ‘e frutte e tuttuquante,
erano doce, e se só’ fatte amare.
Ma ‘o core dice: “Oje giuvinotto amante,
‘e ccose amare, tiénele cchiù care”.
E amara comme si’, te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.

Era comm’ ‘o canario ‘nnammurato,
stu core che cantaje matina e sera.
“Scétate” io dico e nun vò’ stá scetato.
E mo, nun canta manco a primmavera.
Chi voglio bene nun mme fa felice,
forse sta ‘ncielo destinato e scritto.
Ma i’ penzo ca nu ditto antico dice:
“Nun se cummanna a ‘o core”. E i’ mme stó’ zitto.
E mme stó’ zitto, sí,te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.

Chiagno p’ammore, e cade ‘o chianto mio
dint’a ‘sta testa: ‘o chianto ‘a sta arracquanno.
Schiòppa na bella rosa e i’, pe’ gulio,
a chi mm’ha fatto chiagnere nce ‘a manno.
Lle dico: “Rosa mia tu mme perduone
si te scarpesarrá senza cuscienza”.
Ce sta nu ditto ca mme dá ragione:
“Fa’ bene e scorda e si faje male penza”.
Pènzace buono sí, te voglio bene.
Te voglio bene e tu mme faje murí.

E A Mario

E. A. Mario

 

Radio Napoli

Clicca qui e ascolta Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu