(Di Giacomo – Falvo) • 1913

Canzone a Chiarastella è una composizione elegante e fresca, con versi delicatissimi appoggiati su una melodia semplice ma piena di vivacità composta da Rodolfo Falvo.

È una delle poesie più originali di Salvatore di Giacomo.

Il testo celebra la riscoperta della purezza del sentimento amoroso, considerato estinto. Le parole lasciano affiorare un accenno di nostalgia per una figura di ragazza napoletana che sta scomparendo.

Fu lanciata da Gennaro Pasquariello trovando, poi, in Roberto Murolo uno dei suoi massimi interpreti.

TESTO DI CANZONE A CHIARASTELLA

Ogne canzone tene ‘o riturnello,
ca è comme fosse ‘o pierno ‘e ogne canzone
e, ca pe’ tanto è cchiù azzeccuso e bello,
pe’ quanto cchiù se ‘ntreccia ‘e ‘spressione.
Uno a memoria mme n’era venuto,
scritto e furmato ‘a nu maesto ‘e scola.
“E pòrtale” diceva “il mio saluto.
Vola palomma mia, palomma vola”.

Ma giacché sti pparole
nun ce sta cchiù chi ‘e ttrova
o nun s’usano cchiù.
Giacché st’ammore nuosto
è na canzona nova,
‘o riturnello suojo,
Chiarastella,
si’ tu.

‘A ‘gnora, ch’ogne sera, puntualmente,
d’ ‘e bbelli tiempe suoje ll’uso ce avanta,
se fa quacch’aria antica vení a mente
e, pe’ ce ‘a fá ‘mpará, piglia e ce ‘a canta.
Canta, scappáta a suonno quase quase:
“Bella leggiadra sei più di una rosa”.
‘Sta vocca è ‘a calamita ‘e tutt’ ‘e vase
e siente t’aggi’ ‘a dicere na cosa.

Ma giacché sti pparole
nun ce sta cchiù chi ‘e ttrova
o nun s’usano cchiù.
Giacché st’ammore nuosto
è na canzona nova,
‘o riturnello suojo,
Chiarastella,
si’ tu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu