(G.B. De Curtis) • 1892

All’origine di Carmela c’è un curioso aneddoto legato all’incontro tra Gian Battista De Curtis e Carmela, giovane contadina di Sorrento.

Convinto delle sue doti di conquistatore, l’autore fu colpito dalle parole seccate della ragazza: “Cosa faccio? Dormo!”. Quella risposta diventò il leit motiv di una canzone considerata un classico dell’epoca d’oro.

Spontaneo ed immediato, il brano deve molto del suo successo proprio al ritornello “Duorme Carmè, ‘o cchiù bello d’ a vita è durmì

Carmela è annoverata tra le più belle canzoni dedicate a Sorrento.

TESTO DI CARMELA

Fore mura ce sta na picciotta,
‘mmiez’ê spine s’ha fatto na casa,
‘ncopp’ ‘e ffronne s’addorme la notte
e na rosa cchiù bella nun c’è.

Duorme, Carmè,
‘o cchiù bello d’ ‘a vita è ‘o ddurmí.
Sònnate a me,
‘mparaviso cu tico vogl’í.

Ogne sera ca torna â campagna,
va cantanno na bella canzone.
Essa dice ca ‘o core se lagna.
Stu dulore ‘o capisco sul’i’.

Canta, Carmè’,
tantu bella è ‘sta voce a sentí.
Canta pe’ me,
ca tu ‘ncielo mme faje saglí.

Nu vasciello venette ‘a luntano,
e pusaje a Surriento na Fata,
‘ncopp’ ‘o scoglio addó’ sta Tramuntano,
‘mparaviso stu sito nun c’è.

Viene, Carmè’,
t’arricuorde? ‘Sta fata tu si’.
Torna cu me,
‘ncopp”o scoglio vulimmo murí.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu