(De Mura-Albano) • 1957

Lo spirito di Serenatella sciuè sciuè è tutto racchiuso nella locuzione avverbiale che ne caratterizza il titolo. Sciué sciué sta indicare un modo di fare veloce, pratico, senza molte pretese ma estremamente efficace. Ferdinando Albano ed Ettore De Mura composero questa canzone in un paio d’ore e senza particolare impegno. Eppure, la leggerezza spensierata di Serenatella sciuè sciuè si fa ancora apprezzare per la sua grazia e la piacevolezza. Insomma, una canzone gradevole ed orecchiabile, che oggi si può considerare anticipatrice dell’atmosfera sognante dei successivi primi anni ’60.

IL DEBUTTO DI SERENATELLA SCIUÈ SCIUÈ

Serenatella sciuè sciuè fu presentata da Carla Boni e Gino Latilla al concorso radiofonico “Le canzoni della fortuna”. In quella che, di fatto, fu la prima edizione di Canzonissima si piazzò al secondo posto. Divenne popolarissima nel giro di pochi giorni e ispirò anche l’omonimo film diretto da Carlo Campogalliani.

L’elenco dei suoi interpreti è corposo e vanta nomi del calibro di Nilla Pizzi, Teddy Reno, Aurelio Fierro, Gloria Christian, Roberto Murolo e Renato Carosone. Nel 2018 le Ladyvette, gruppo vocale al femminile, l’ha riproposta in un’originale versione swing. Serenatella sciuè sciuè è stata tradotta anche in francese con il titolo “Chantez ma serenade”.

IL TESTO DI SERENATELLA SCIUÈ SCIUÈ

Ha ditto ‘o core mio: “Fa’ ‘o tentativo,
a mezanotte va’ sott’ ‘o barcone.
Chella ll’ha fatto sulo pe’ currivo
ma se fa ‘ntennerì cu na canzone”.

E i’ só’ turnato ccà,
e i’ só’ turnato ccà,
cu ‘sta chitarra mia pe’ t’ ‘a cantà.

Ma ‘sta serenatella
ca i’ porto a te
è na serenatella
sciué sciué.

Pecché, si nun mme siente,
io resto indifferente,
‘a mille vocche ardente
mme voglio fá vasà.

Perciò ‘sta canzuncella
ca i’ porto a te
è na serenatella
sciué sciué.

Tu nun mm’hê dato pace nu mumento
e mme ll’hê fatta perdere ‘a pacienza.
Si mo, cantanno, metto ‘o sentimento,
offaccio cchiù pe’ scrupolo ‘e cuscienza.

‘O core ha ditto: “Va’”.
‘O core ha ditto: “Va’”
e nun mme só’ pututo rifiutà.

Pecché, si nun mme siente,
io resto indifferente,
‘a mille vocche ardente
mme voglio fá vasà.

Perciò ‘sta canzuncella
ca i’ porto a te
è na serenatella
sciué sciué.

è na serenatella
sciué sciué.

Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu