(Bovio – Lama) • 1922

Originale nell’invenzione poetica, Silenzio cantatore descrive un singolare paesaggio napoleta­no, immobile e quasi emblematico. Uno spazio immaginifico dove, fra il mare, la luna e il misterioso silenzio di una notte d’estate, si consuma un piccolo dramma d’amore.

Il grande fa­scino della canzone risiede tutto in quell’incanto not­turno percorso da una melodia ispirata, cullata da un movimento di barcarola conferitogli dall’estro di Gaetano Lama.

Fu presentata per la prima volta al pubblico da Salvatore Papaccio al Teatro Bellini in occasione della Piedigrotta.

Silenzio cantatore ha conosciuto centinaia di interpreti, fra i quali si ricordano Sergio Bruni, Fausto Cigliano e Giuseppe Di Stefano.

TESTO DI SILENZIO CANTATORE

Zitta,
stanotte nun dicere niente,
càdeme ‘mbraccia, ma senza parlà.
Dòrmono ‘e ccose nu suonno lucente,
nu suonno ‘e na notte d’està.

Marì’,
dint’ ‘o silenzio,
silenzio cantatore,
nun te dico parole d’ammore,
ma t’ ‘e ddice stu mare pe’mmé.

Dimme,
stanotte si’ tutta d’ ‘a mia?
Ll’uocchie tuoje belle
mme diceno ‘e sì.
No, cu ‘sta luna, nisciuna bucìa
sta vócca buciarda pò ddì.

Marì’,
dint’ ‘o silenzio,
silenzio cantatore,
nun te dico parole d’ammore,
ma t’ ‘e ddice stu mare pe’mmé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu