(Di Giacomo-Costa) • 1897

Serenata napulitana è sicuramente una dei risultati migliori della felice collaborazione tra Salvatore di Giacomo e Mario Costa. Fu pubblicata nel 1897 nella Piedigrotta Ricordi con il titolo Serenata napolitana e fu lanciata da Raffaele De Rosa.

È il canto senza speranza di un innamorato respinto, che annuncia il suo stesso destino alla donna che l’ha lasciato. L’accompagnamento musicale richiama il tipico andamento della se­renata, ma si sviluppa con spunti di notevole eleganza. La splendida melodia è valorizzata da un tono dimesso e discreto, che sottolinea la bellezza dei versi altamente poetici.

Serenata napulitana vanta un’infinità di interpreti, tra cui Enrico Caruso, Beniamino Gigli, Roberto Murolo, Giulietta Sacco e Mima Doris. Se si considerano le versioni più recenti, meritano una segnalazione quelle di Lina Sastri, Brunella Selo e Tosca.

TESTO DI SERENATA NAPULITANA

Dimme, dimme a chi pienze assettata
sola sola, addereto a sti llastre?
‘Nfacci’ô muro ‘e rimpètto, stampata,
veco n’ombra, e chest’ombra si’ tu.

Fresca è ‘a notte, na luna d’argiento
saglie ‘ncielo e cchiù ghianca addeventa.
E nu sciato, ogne tanto, d’ ‘o viento
‘mmiez’a st’aria se sente passà.

Ah, che notte, ah, che notte.
Ma pecché nun t’affacce?
Ma pecché, ma pecché mme ne cacce,
Catarì’, senza manco parlá?

Ma ce sta nu destino,
e io ce credo e ce spero.
Catarì’, nun è overo,
tu cuntenta nun sì’.

Catarí’, Catarí’, mm’hê lassato,
tutto ‘nzieme st’ammore è fernuto,
tutto ‘nzieme t’hê scìvete a n’ato,
mm’hê ‘nchiantato e mm’hê ditto: “Bonnì”.

E a chist’ato ca tu mo vuó’ bene
staje penzanno e, scetata, ll’aspiette,
ma chist’ato, stasera, nun vène,
e maje cchiù, t’ ‘o ddich’io, venarrà.

No, nun vène, nun vène.
Ll’aggio visto p’ ‘a strada,
cammenà, core a core, cu n’ata,
e, redenno, parlavano ‘e te.

Tu si’ stata traduta.
Tu si’ stata lassata.
Tu si’ stata ‘nchiantata,
pure tu, pure tu.

Radio Napoli

Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu