Scalinatella appartiene a quel ristretto elenco di canzoni napoletane considerate “classiche” seppure composte in era moderna. Una nota di merito, questa, per gli autori Enzo Bonagura e Giuseppe Cioffi, che nel 1948 la pubblicarono. riuscendo a creare suggestioni tipiche della cosiddetta epoca d’oro. Scalinatella, infatti, si impone ancora oggi per il delicatissimo tono espressivo: versi e musica. descrivono la malinconia e il dolore di un amore perduto senza alcun cedimento melodrammatico o retorico. Un capolavoro, insomma, che deve a Roberto Murolo il suo lancio e la sua prima incisione, nel maggio del 1949.

SCALINATELLA, LA CONTESA TRA CAPRI E POSITANO

La storia di Scalinatella è segnata da un divertente aneddoto, legato alla sua ambientazione. Meglio, legato alla collocazione geografica della scalinata al centro del testo. All’epoca, molti ritenevano che la scalinatella ispiratrice fosse quella che, a Capri, conduce dalle grotte di Matermania all’Arco Naturale. Altri, invece, sostenevano che era una delle tante viuzze in salita di Positano. Considerato il successo ottenuto dalla canzone, la questione assunse accenti campanilistici, alimentando una disputa tra il sindaco di Capri e quello di Positano. Ci pensò Roberto Murolo a risolvere la diatriba, intervenendo in una trasmissione televisiva e attribuendo la “paternità” della scalinata alla. perla della costiera amalfitana. La sua fonte era più credibile: glielo aveva detto Bonagura, l’autore dei versi.

GLI INTERPRETI

Come un grande classico della canzone napoletana, Scalinatella vanta un gran numero di interpreti e un gran numero di versioni. Tra gli altri e a parte il già citato Murolo, da segnalare Fausto Cigliano, Fred Bongusto, Massimo Ranieri. Così come Fausto Leali, Johnny Dorelli, Enzo Gragnaniello e, in ambito femminile, Gloria Christian, Maria Nazionale e Flo. Dal canto loro, Dalida e Connie Francis hanno contribuito non poco alla sua diffusione internazionale. Molto significativo, infine, il numero di arrangiamenti strumentali di Scalinatella, a conferma del suo valore squisitamente musicale. Molto interessanti quelli orchestrali realizzate da Piero Umiliani, Armando Trovajoli e Percy Faith. Notevoli anche le versioni “solistiche” di Joe Amoruso, Luca Aquino e Pasquale Cirillo.

canzone

La copertina del 45 giri di Roberto Murolo con Scalinatella

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu