‘A cartulina ‘e Napule

‘A cartulina ‘e Napule, Gilda Mignonette e la nostalgia struggente dell’amata e lontanissima città. In estrema sintesi, è questa la storia di quella che è diventata la canzone dell’emigrazione per antonomasia. La forza espressiva del brano risiede proprio nel fatto che a comporla furono due emigranti. Infatti, ‘A cartulina ‘e Napule porta la firma di Pasquale Buongiovanni e Giuseppe De Luca, napoletani trasferitisi a New York. Lì la composero nel 1927. Significativa la storia di Buongiovanni, che emigrò negli Stati Uniti nel 1918. Dapprima pubblicò poesie sulla rivista newyorkese La follia, poi iniziò a scrivere canzoni su incoraggiamento di Riccardo Cordiferro, autore di Core ‘ngrato.

‘A CARTULINA ‘E NAPULE E GILDA MIGNONETTE

Fu eseguita per la prima volta da Mario Gioia al teatro Werba di New York. Il successo di ‘A cartulina ‘e Napule è, però, indissolubilmente legato al nome di Gilda Mignonette. Fu lei che la rese popolarissima prima in America, dove risiedeva, e poi in Italia. Tra le diverse versioni di questo brano, una delle più emozionanti è, senza alcun dubbio, quella di Noa. Da ricordare, in ogni caso, anche le versioni di Angela Luce, Maria Nazionale, Giulietta Sacco e Irene Fargo.

TESTO

Mm’è arrivata stammatina,
‘na cartulina:
è ‘na veduta ‘e Napule
che mm’ha mannato mammema.

Se vede tutt’ ‘o Vommero,
se vede Margellina,
‘nu poco ‘e cielo ‘e Napule.
Che bella cartulina!

Napule,
aggio scritto pe’ tte chesta canzona
e p’ ‘o ricordo ‘e mammema
aggio chiagnuto llacreme ‘e passione.

E se vede pure ‘o mare
cu Marechiare.
Mme parla cchiù ‘e ‘na lettera
‘sta cartulina ‘e Napule.

Che gioja, che delizia,
‘sta villa quant’è fina!
Comm’è bello ‘o Vesuvio
‘nfaccia a ‘sta cartulina!

Napule,
aggio scritto pe’ tte chesta canzona
e p’ ‘o ricordo ‘e mammema
aggio chiagnuto llacreme ‘e passione.

“Comme tu può stà felice –
mamma mme dice –
luntano tanto ‘a Napule,
luntano tanto ‘a mammeta?”

E soffro mille spaseme,
‘Ncore tengo ‘na spina
Quanno cunfronto ‘America
Cu chesta cartulina.

Napule,
aggio scritto pe’ tte chesta canzona
e p’ ‘o ricordo ‘e mammema
aggio chiagnuto llacreme ‘e passione.

Radio Napoli

Clicca qui e ascolta Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu