Tu si’ ‘na cosa grande

Tu si’ ‘na cosa grande occupa uno spazio artistico del tutto originale nella storia della canzone napoletana e dei suoi interpreti. Infatti, non può considerarsi omogenea al repertorio classico ma nemmeno partecipe del filone del “rinnovamento” impostosi negli anni ’50. In ogni caso, gli storici ritengono che Tu si’ ‘na cosa grande sia l’ultimo capolavoro prima del cosiddetto Neapolitan power. Merito di questo posizionamento davvero esclusivo è la coerenza espressiva tra contenuto testuale e mood musicale.
Da un lato, il tono drammatico dei versi, per una storia d’amore che non si compie per incomunicabilità e reticenza. Dall’altro, un arrangiamento ricco di pathos ma privo di scorciatoie retoriche. Scelte figlie dello stile di Domenico Modugno, cantautore passionale e istintivo e quindi lontano da stucchevoli impostazioni da melodramma.

Storia

Lo spartito di Tu si’ ‘na cosa grande

LA STORIA DI TU SI’ ‘NA COSA GRANDE

Proprio al talento di Domenico Modugno, Tu si’ ‘na cosa grande deve il suo successo. Fu lui a musicarla e fu lui a presentarla al Festival di Napoli del 1964, in coppia con Ornella Vanoni. La canzone stravinse, mettendo d’accordo, per una volta, pubblico e giuria. Solo una critica venne mossa al pugliese Modugno: si disse che un vero napoletano avrebbe usato l’aggettivo “grosso”, non “grande”. Un dettaglio lessicale del tutto marginale. Infatti, a conferma degli unanimi consensi ottenuti, entrambe le versioni di Tu si’ ‘na cosa grande scalarono la hit parade. Vi rimasero per diverse settimane, arrivando a ridosso della vetta.

Interpreti

La copertina del 45 giri di Tu si’ ‘na cosa grande interpretata da Ornella Vanoni

GLI INTERPRETI

Tu si’ ‘na cosa grande può considerarsi la regina delle canzoni del Festival di Napoli. Sicuramente la più famosa a livello nazionale. L’elenco dei suoi interpreti è a dir poco corposo. A scorrere i nomi che lo compongono, si incontrano (tra gli altri) quelli di Claudio Baglioni, Renato Zero, Sergio Cammariere. La grande Mina capeggia la lista degli interpreti femminili, dove sono presenti anche Giusy Ferreri, Arisa. Anna Tatangelo e Serena Autieri. Dei cantanti napoletani, poi, sono da ricordare le versioni di Massimo Ranieri, Fausto Cigliano e Sal da Vinci. Inoltre, da segnalare l’elegante versione di Walter Ricci e Chiara Civello.

TESTO DI TU SI’ ‘NA COSA GRANDE

(Gigli –Modugno) • 1964

Tu si’ ‘na cosa grnde pe’mmé,
‘na cosa ca mme fà ‘nnamurà’,
‘na cosa che si tu guard’a mme,
je me ne moro accussì guardanno a te.

Vurria sapé’ na cosa da te,
pecchè quanno me guardi accussì,
si pure tu te sient’ ‘e murì’
nom m’ ‘o dice e nun m’ ‘o faje capì’,
ma pecchè.

E dillo na vota sola
che pure tu stai tremmanno,
dimmi ca me vuò’ bene
comm’io, comm’io, comm’io voglio bene a te.

Tu sì ‘na cosa grand pe’mmé
na cosa ca tu stessa nun saje,
na cosa ca nun aggio avuto maje,
nu bene accussì, accussì grande.

Si pure tu te sient’ ‘e murì’
nun m’ ‘o ddice e nun m’ ‘o faje capi’,
ma pecche’.

E dillo na vota sola
che pure tu stai tremmanno,
dimmi ca me vuò’ bene
comm’io, comm’io, comm’io voglio bene a te.

(ritornello)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu