‘O marenariello

Con ’O marenariello una nuova generazione di autori irruppe sulla scena della canzone napoletana. Non più colti e diplomati come di Giacomo o Tosti, ma figli del popolo e, spesso, analfabeti. come Salvatore Gambardella, che era garzone di fabbro e strimpellava appena il mandolino. Quando scrisse ’O marenariello aveva appena vent’anni ma si rivelò subito un genia­le improvvisatore e uno dei maggiori compositori partenopei. Pubblicata nell’agosto del 1893 sul giornale La tavola rotonda, la canzone recava inizialmente un testo di Diodato Del Gaizo ed era intitolata ‘O mare e ba. In un secondo momento arrivarono i versi definitivi di Gennaro Ottaviano e, con essi, un meritato successo planetario.

‘O marenariello è una deliziosa barcarola la cui melodia richiama alla mente la raffinatezza delle composizioni di Vincenzo Bellini. Perfetta nella sua semplicità, è questa una delle canzoni che più rivela il valore archetipico della musica napoletana di fine ‘800. Il nome di Mia Martini a sintesi di un elenco di interpreti pressoché sterminato. Numerose le traduzioni straniere, altrettanto numerosi i cantanti internazionali che hanno inciso ‘O marenariello.

TESTO DI ‘O MARENARIELLO

Oje né’, fa’ priesto, viene,
nun mme fà spantecà,
ca pure ‘a rezza vène
ch’a mare stó’ a menà.

Méh, stienne sti bbraccelle,
ajutame a tirà,
ca stu marenariello
te vò’ sempe abbraccià.

Vicin”o mare,
facimmo ‘ammore,
a core a core,
pe’ nce spassà.

Só’ marenaro
e tiro ‘a rezza,
ma, p’ ‘allerezza,
stóngo a murì.

Vide ca sbatte ll’onna
comm’a stu core ccà,
de lacreme te ‘nfonne
ca ‘o faje annammurà.

Viene, ‘nterr’a ‘sta rena
nce avimm’ ‘a recrijà,
che scenne la serena,
io po’ stóngo a cantà.

Vicin”o mare,
facimmo ‘ammore,
a core a core,
pe’ nce spassà.

Só’ marenaro
e tiro ‘a rezza,
ma, p’ ‘allerezza,
stóngo a murì.

Oje né’, io tiro ‘a rezza
e tu statte a guardà
li pisce, p’ ‘a prijezza,
comme stanno a zumpà.

E vide, pure ‘e stelle
tu faje annammurà,
ca stu marenariello
tu faje suspirà.

Vicin”o mare,
facimmo ‘ammore,
a core a core,
pe’ nce spassà.

Só’ marenaro
e tiro ‘a rezza,
ma, p’ ‘allerezza,
stóngo a murì.

Radio Napoli

Clicca qui e ascolta Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu