‘E spingole frangese

‘E spingole frangese è uno dei capolavori di Salvatore di Giacomo. La casa editrice Ricordi la pubblicò nel 1888, nel pieno della cosiddetta epoca d’oro della canzone napoletana iniziata con il successo di Funiculì funiculà. La popolarità della canzone paga sicuramente pegno al suo ritornello brillante e incisivo. La storia è quella di un venditore ambulante di spille da balia che, nel suo girovagare quotidiano, cerca di conquistare una donna. Il suo malizioso corteggiamento si interrompe quando capisce che rischia la vendetta del suo fidanzato.

‘E spingole frangese rappresenta il massimo successo della coppia di Giacomo-De Leva, con maggiori meriti per il raffinato compositore napoletano. Si ritiene, infatti, che di Giacomo abbia composto il testo unendo frammenti di differenti versioni di un noto canto popolare. Lo confermano diversi testi presenti nelle raccolte pubblicate in precedenza da Molinaro del Chiaro, Casetti ed Imbriani.

L’aneddotica vuole che ’E spingole frangese sia stata eseguita per volere del Kaiser Guglielmo di Germania in visita a Napoli. Probabilmente fu questo episodio a favorirne la diffusione presso tutte le corti europee. Ricca di ammiccamenti e doppi sensi, nell’album Li sarracini adorano lu sole la Nuova Compagnia di Canto Popolare ne ha riproposto una versione basata sul tema popolare arcaico.

TESTO DI ‘E SPINGOLE FRANGESE

Nu iuorno mme ne iette da la casa,
ienno vennenno spìngole frangese;
me chiamma na figliola: – Trase, trase!
Quanta spingole dai pe nu turnese? –
E io che songo nu poco veziuso,
subbeto me mmuccaie dint’a sta casa…
Ah, chi vo’ belli spìngole frangese!
Ah, chi vo’ belli spìngole, ah, chi vo’!…

Dich’io – Si tu mme daie tre o quatto vase
te dongo tutt’ ‘e spìngole frangese,
pizzeche e vase nun fanno pertose
e po’ ienghere ‘e spìngole ‘o paese. –
Sentite a me, ca pure mparaviso
‘e vase vanno a cinco nu turnese.
Ah, chi vo’ belli spìngole frangese!
Ah, chi vo’ belli spìngole, ah, chi vo’!…

Dicette: – Core mio, chist’è ‘o paese,
ca si te prore ‘o naso muore acciso! –
E io rispunnette: – Agge pacienzia, scuse:
‘a tengo ‘a nnammurata e sta ‘o paese…
E tene ‘a faccia comme ‘e ffronne ‘e rosa,
e tene ‘a vocca comme a na cerasa!…-
Ah, chi vo’ belli spìngole frangese!
Ah, chi vo’ belli spìngole, ah, chi vo’!…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu