‘A canzuncella

‘A canzuncella è il brano che ha proiettato Paolo Morelli, e gli Alunni del Sole, nella storia della musica partenopea. Con quale merito? Quello di aver composto una melodia degna dei grandi classici, caratterizzandola però con soluzioni moderne. In altre parole, con il merito di aver saputo innovare la canzone napoletana, lo stesso riconosciuto a Pino Daniele. Sempre a metà degli anni Settanta.

‘A CANZUNCELLA, TRADIZIONE E INNOVAZIONE

‘A canzuncella, infatti, vide la luce nel 1977, periodo in cui Paolo Morelli collaborava con Giampiero Riverberi. Come è stato ben scritto, il carattere modernizzatore del brano viene fuori innanzitutto nel testo. I versi raccontano, sì, una storia d’amore, ma evitano toni struggenti e abusati cliché melodrammatici. Piuttosto, oscillano tra disincanto e ironia: “Si’ ‘nnamurata ‘e me/ma sienteme, nun ce penzà./e torna ‘n’ata vota/addu chillu llà”. Ed ancora: “Pe te sentì ‘e parlà/e pe te dicere ca po’/nun m’aspettave niente ‘a te/cchiù ‘e chello ca si stata”.

Richiami alla tradizione della canzone napoletana, invece, possono considerarsi la semplicità degli accordi usati e la loro ripetizione modulare. Storia e contemporaneità, dunque, che trovano felice sintesi nella voce calda di Paolo Morelli, soul e classicheggiante allo stesso tempo. Insomma, un mix che il pubblico apprezzò molto e che fece rimanere il brano in hit parade per diverse settimane.

UNA CANZONE SCRITTA DI GETTO

Come nacque ‘A canzuncella lo ha rivelato il fratello Bruno, parlandone a proposito di un altro brano. Nel corso di un’intervista, infatti, ha rivelato: “Alla fine del 2012, stavamo finendo di incidere Il sogno che svanisce. Una mattina Paolo mi chiese di accendere il registratore perché aveva una canzone in testa. Si sedette al pianoforte e la cantò di getto, così com’era successo per Pagliaccio e ‘A Canzuncella”.

GLI INTERPRETI

Che ‘A canzuncella possa considerarsi un classico della canzone napoletana è confermato da un dato: il numero dei suoi interpreti, quelli “italiani” in particolare. I nomi di Ornella Vanoni, Matia Bazar, Graziella Vendramin ed Enrico Ruggeri dicono tanto dello spessore del brano. E dicono ancor di più della stima di cui godevano, e godono ancora, gli Alunni del Sole.

Proprio Enrico Ruggeri decise di proporre ‘A canzuncella nella serata dedicata alle cover del Festival di Sanremo 2016. In pratica, si trattò della cover di una cover: lui l’aveva già incisa qualche anno prima. In quell’occasione il cantautore milanese spiegò: “E’ una di quelle canzoni che quando la senti cantare ti rendi conto che la conoscevi già. Io l’avevo incisa nel 1988 in un album fatto a Mosca. Mi aveva colpito perché coniugava la vecchia musica napoletana con quella moderna di Pino Daniele”.

 

storia

L’album di Enrico Ruggeri con ‘A canzuncella

A proposito degli interpreti napoletani di ‘A canzuncella, una delle versioni migliori è quella di Gigi Finizio. È un’autentica chicca nata per volontà del produttore Peppe Ponti, che l’ha inserita nell’album doppio Continuando verso Napoli. Album che contiene le canzoni napoletane degli Alunni del Sole. Altre versioni made in Naples di ‘A canzuncella sono quelle di Andrea Sannino, Mario Maglione, Luciano Caldore e Mariano Apicella.

LA VERSIONE FRANCESE DI ‘A CANZUNCELLA E QUELLA IN ITALIANO

Nella storia di ‘A canzuncella esiste anche un’interpretazione in francese. L’ha realizzata Joe Dassin, con il titolo Quand on sera deux e fa parte dell’album Les femmes de ma vie! del 1978. I versi più significativi recitano così: Faut mettre des rideaux et des coussins fleuris des. rayons pour les livres, un grand canapé-lit où il fera bon vivre, où l’on aura bien chaud. quand il y aura du givre ou de la pluie sur les carreaux

Rimanendo in tema di storia e curiosità, va segnalata anche l’esistenza di una versione in italiano. Anzi, della traduzione in italiano del testo, con l’improbabile titolo La canzonetta. Compare sul retro del 45 giri pubblicato su etichetta Produttori Associati nel 1977.

canzone napoletana

Il retro del 45 giri di ‘A canzuncella con il testo in italiano

TESTO DI ‘A CANZUNCELLA

Che mm’e ‘mparate a fa, che mm’e ‘mparate a fa
Si doppo tantu tIempo, te si scurdata ‘e me,
e quanno me guardave, e ie pure te guardave
cull’ uocchie me guardavo tutt’ e mosse ca faciv’.

Si ‘nnammurate ‘e me, ma, sienteme, chi t’o fa fà
e torna ‘n’ata vota ‘mbraccio a chillu llà.
Si ‘nnammurate ‘e me ma, sienteme, nun ce pensa’
e torna ‘n’ata vota addu chillu llà

Che t’aggio ditto a fa, che t’aggio ditto a fa:
pruvamme ‘n’ata vota, pe n’ ora po’ bastà.
Pe te sentì e parlà, pe te dicere ca po’,
nun m’aspettavo niente a’ te cchiu e chell’ ca si stat’.

Si ‘nnammurate ‘e me, ma, sienteme, chi t’o fa fà
e torna ‘n’ata vota ‘mbraccio a chillu llà.
Si ‘nnammurate ‘e me ma, sienteme, nun ce pensa’
e torna ‘n’ata vota addu chillu llà

Te si spugliata cca’, te si spugliata cca’.
Si bell’ e nun ho saccio, comme faccio a te guardà.
Te voglio bene ancora, ma se dice po’ pe’ ddi
e intanto t’accuntent’ cu chesta canzuncella.

Si ‘nnammurate ‘e me, ma, sienteme, chi t’o fa fà
e torna ‘n’ata vota ‘mbraccio a chillu llà.
Si ‘nnammurate ‘e me ma, sienteme, nun ce pensa’
e torna ‘n’ata vota addu chillu llà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu