Voce ‘e notte

Voce ‘e notte è il capolavoro di Eduardo Nicolardi ed Ernesto De Curtis è un delicato canto notturno. Quello di un in­namorato che sfoga il proprio dolore sotto la finestra della donna amata, ormai sposata. A tale proposito, va detto che Voce ‘e notte è ispirata ad una storia vera, quella del suo autore.
La canzone è ispirata ad un fatto realmente accaduto all’autore. Il venticinquenne Nicolardi si innamorò, ricambiato, di Anna Rossi, figlia di un ricco commerciante di cavalli. La relazione, però, trovò nella famiglia di lei una forte opposizione. I motivi di questo ostracismo erano due. Nicolardi era di un ceto inferiore e, soprattutto, la bella Anna era stata promessa ad un facoltoso cliente del padre.

Il testo di Voce ‘e notte evoca, appunto, una scena successiva al matrimonio “forzato”. Fortunatamente per Nicolardi, però, la storia ebbe un lieto fine. Pompeo Corbera, lo sposo, era molto anziano tanto che morì poco dopo le nozze. A quel punto, Anna e Nicolardi potettero sposarsi, coronando quell’amore che aveva ispirato la canzone.
Famosissima in tutto il mondo e tradotta in de­cine di lingue, la canzone ha conosciuto vari periodi di popolarità. L’ultima stagione di grande successo ri­sale al 1960, quando Peppino Di Capri la rilanciò in una straordinaria versione moderna raggiungendo il secondo posto nella hit parade e vendendo milioni di dischi in tutta Europa e in America, oltre che nel nostro paese.

TESTO DI VOCE ‘E NOTTE

Si ‘sta voce te scéta ‘int’ ‘a nuttata,
mentre t’astrigne ‘o sposo tujo vicino,
statte scetata, si vuó’ stà scetata,
ma fa’ vedé ca duorme a suonno chino.

Nun ghì vicino ê llastre pe’ffà ‘a spia,
pecché nun puó’ sbaglià, ‘sta voce è ‘a mia.
E’ ‘a stessa voce ‘e quanno tutt’e duje,
scurnuse, nce parlávamo cu ‘o “vvuje”.

Si ‘sta voce te canta dint’ ‘o core
chello ca nun te cerco e nun te dico,
tutt’ ‘o turmiento ‘e nu luntano ammore,
tutto ll’ammore ‘e nu turmiento antico.

Si te vène na smania ‘e vulé bene,
na smania ‘e vase córrere p’ ‘e vvéne,
nu fuoco che t’abbrucia comm’a che,
vàsate a chillo, che te ‘mporta ‘e me?

Si ‘sta voce, che chiagne ‘int’ ‘a nuttata,
te sceta ‘o sposo, nun avé paura.
Vide ch’è senza nomme ‘a serenata,
dille ca dorme e che se rassicura.

Dille accussì: “Chi canta ‘int’a ‘sta via
o sarrà pazzo o more ‘e gelusia.
Starrà chiagnenno quacche ‘nfamità.
Canta isso sulo, ma che canta a fà?”

tasto homepage

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu