‘O paese d’ ‘o sole

’O paese d’ ’o sole canta la commozione di un emigrante che torna nella sua terra con un linguaggio semplice e completo. Il testo, che assume il significato simbolico di un messaggio del sole caldo e del mare azzurro, può apparire logoro e oleografico. In realtà, la melodia molto ispirata di Vincenzo D’Annibale dona una notevole forza espressiva ai versi di Libero Bovio. Il succedersi delle note ne interpreta perfettamente l’amalgama di amore e nostalgia.

Lanciata da Lida Leda al Teatro Politeama di Napoli, ebbe subito enorme successo e la sua fama è ancora oggi intatta. La sua pubblicazione suscitò le critiche di alcuni esponenti della scena musicale cittadina. E.A. Mario riprese la polemica nel 1954 in un articolo apparso sulla sua Piedigrotta. A finire sotto attacco sia il titolo che il ritornello. Il primo perché ritenuto una cattiva copia della definizione “Pays du soleil” data alla Provenza dai poeti felibri. Il secondo perché considerato troppo simile al tema di Maria, una canzone di Eduardo Di Capua di un certo successo.

Come si addice ad un vero classico, ’O paese d’ ’o sole vanta centinaia di interpreti tra le quali Gilda Mignonette. La sua diffusione nel mondo è stata facilitata dall’essere particolarmente adatta per il repertorio dei tenori. Da segnalare una versione orchestrale di Perez Prado.

TESTO DI ‘O PAESE D’ ‘O SOLE

Ogge sto tanto allero
ca, quase quase, mme mettesse a chiagnere
pe’ ‘sta felicità.
Ma è overo o nun è overo
ca só’ turnato a Napule?
Ma è overo ca sto’ ccà?
‘O treno steva ancora ‘int’ ‘a stazione
quanno aggio ‘ntiso ‘e primme manduline.

Chist’è ‘o paese d’ ‘o sole,
chist’è ‘o paese d’ ‘o mare,
chist’è ‘o paese addó’ tutt’ ‘e pparole,
so’ doce o so’ amare,
so’ sempe parole d’ammore.

‘Sta casa piccerella,
‘sta casarella mia ‘ncoppo Pusilleco,
luntano, chi t’ ‘a dà?
‘Sta casa puverella,
tutt’addurosa ‘anèpeta,
se putarrìa pittà.
‘A ccà nu ciardeniello sempe ‘nfiore
e de rimpetto ‘o mare, sulo ‘o mare.

Chist’è ‘o paese d’ ‘o sole,
chist’è ‘o paese d’ ‘o mare,
chist’è ‘o paese addó’ tutt’ ‘e pparole,
so’ doce o so’ amare,
so’ sempe parole d’ammore.

Tutto, tutto è destino.
Comme putevo fà furtuna a ll’estero
s’io voglio campà ccà?
Mettite ‘nfrisco ‘o vino,
tanto ne voglio vévere,
ca mm’aggi’ ‘a ‘mbriacà.
Dint’a sti qquatto mure io stó’ cuntento,
mamma mme sta vicino e nénna canta.

Chist’è ‘o paese d’ ‘o sole,
chist’è ‘o paese d’ ‘o mare,
chist’è ‘o paese addó’ tutt’ ‘e pparole,
so’ doce o so’ amare,
so’ sempe parole d’ammore.

tasto homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu