Luna rossa

Luna rossa canzone, già una precisazione fondamentale: il suo titolo è stato usato per mille usi. Un effetto collaterale che testimonia il suo successo. Anzi, ne è conseguenza diretta. Luna rossa appartiene al filone della canzone napoletana moderna. Calata in un’atmosfera vagamente malinconica su un ritmo di beguine, la storia racconta del vagabondaggio notturno di un innamorato deluso. Proprio l’arrangiamento a tempo di beguine scatenò numerose polemiche quando il brano fu pubblicato. I puristi ritenevano che Luna rossa canzone fosse troppo lontana dalla tradizione. Si sbagliavano perché il brano firmato da Vincenzo De Crescenzo e Antonio Vian sarebbe diventato un classico.

IL LANCIO DI LUNA ROSSA CANZONE

A lanciarla fu Giorgio Consolini al teatro Augusteo di Napoli in occasione della Piedigrotta 1950. Venne poi ripresa da Claudio Villa che ne fece il suo biglietto da visita. Il successo del Reuccio fu clamoroso e il finale in falsetto, ricamato e gorgheggiato in una lunga e movimentata modulazione, divenne mitico.

GLI INTERPRETI

Luna rossa canzone ha avuto centinaia di interpreti in tutto il mondo ed è stata un successo personale di Frank Sinatra. Pressoché introvabile la versione che ne rese la grande Ella Fitzgerald, molto raffinata quella di Caetano Veloso. La versione di Renzo Arbore con l’Orchestra Italiana accompagnò, invece, le avventure dell’imbarcazione italiana che partecipò all’America’s cup nel 1999. La barca era guidata dal napoletano Francesco De Angelis e si chiamava proprio Luna rossa.

TESTO DI LUNA ROSSA CANZONE

(Vian – De Crescenzo) • 1950

Vaco distrattamente abbandunato,
ll’uocchie sott’ ‘o cappiello annascunnute,
mane ‘int’ ‘a sacca e bávero aizato.
Vaco siscanno ê stelle ca só’ asciute.

E ‘a luna rossa mme parla ‘e te,
io lle domando si aspiette a me,
e mme risponne: “Si ‘o vvuó’ sapé,
ccá nun ce sta nisciuna”.
E i’ chiammo ‘o nomme pe’ te vedé,
ma, tutt’ ‘a gente ca parla ‘e te,
risponne: “E’ tarde che vuó’ sapé?
Ccá nun ce sta nisciuna”.

Luna rossa,
chi mme sarrá sincera?
Luna rossa,
se n’è ghiuta ll’ata sera
senza mme vedé.

E io dico ancora ch’aspetta a me,
for’ ‘o barcone stanott’ê ttre,
e prega ‘e Sante pe’ mme vedé.
Ma nun ce sta nisciuna.

Mille e cchiù appuntamente aggio tenuto,
tante e cchiù sigarette aggio appicciato,
tanta tazze ‘e café mme só’ bevuto,
mille vucchelle amare aggio vasato.

E ‘a luna rossa mme parla ‘e te,
io lle domando si aspiette a me,
e mme risponne: “Si ‘o vvuó’ sapé,
ccá nun ce sta nisciuna”.
E i’ chiammo ‘o nomme pe’ te vedé,
ma, tutt’ ‘a gente ca parla ‘e te,
risponne: “E’ tarde che vuó’ sapé?
Ccá nun ce sta nisciuna”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu