‘A tazza ‘e café

I versi di ‘A tazza ‘e café sarebbero stati ispirati dalla bella ma scorbutica Brigida, cassiera del Caffè Portorico di Napoli. Qui si ritiene che Giuseppe Capaldo compose in pochissimi minuti testo, poi musicato da Vittorio Fassone. ‘A tazza ‘e cafè fu pubblicata nel 1918.
Allegro e pieno di sottintesi, ‘A tazza ‘e café è un quadretto ben riuscito che prende la forma di un popolaresco battibecco amoroso. In realtà, dietro questa contesa dialettica si cela la celebrazione di un culto tipicamente napoletano, quello della tazza di caffè. Che, si sa, il dolce lo serba sul fondo.

GLI INTERPRETI DI ‘A TAZZA ‘E CAFÈ

‘A tazza ‘e cafè vanta numerosi interpreti. Prima a presentarla, fu Elvira Donnarumma al Teatro Bellini di Napoli, probabilmente ignara che sarebbe entrata nel repertorio di centinaia di cantanti e di complessi bandistici. Dopo di lei, è stata la volta di tanti altri, soprattutto maschi. Si ricordano, infatti, le versioni di Massimo Ranieri, Sergio Bruni, Nicola Arigliano e Roberto Murolo.
Come interpreti femminili, invece, vanno citate Angela Luce, Maria Nazionale e Lina Sastri.

IL TESTO DI ‘A TAZZA ‘E CAFÈ

Vurria sapè pecchè si me vedite
facite sempe ‘a faccia amariggiata…
Ma vuie quanto cchiù brutta ve facite
cchiù bella all’uocchie mieje ve presentate…
I’ mo nun saccio si ve n’accurgite?!

Ma cu sti mode, oje Briggeta,
tazza ‘e cafè parite…
sotto tenite ‘o zucchero
e ‘ncoppa amara site…
Ma i’ tanto ch’ haggi’ ‘avutà…
e tanto ch’ haggia girà…
c’ ‘ o ddoce ‘e sotto ‘a tazza
fin’a ‘mmocca m’add’arrivà!

Cchiù tiempe passa, cchiù v’arreffreddate
mmece ‘e riscaldà… “Caffè squisito”
‘o bello ca si pure ve gelate…
site ‘a delizia d’ ‘o ccafè granite
facenne cuncurrenza ‘a limunata…

Ma cu sti mode, oje Briggeta,
tazza ‘e cafè parite…
sotto tenite ‘o zucchero
e ‘ncoppa amara site…
Ma i’ tanto ch’ haggi’ ‘avutà…
e tanto ch’ haggia girà…
c’ ‘ o ddoce ‘e sotto ‘a tazza
fin’a ‘mmocca m’add’arrivà!

Vuie site ‘a mamma d’ ‘e rrepassatore?
E i’, bellezza mia, figlio ‘e cartare…
Si vuie ve divertite a cagnà core…
i’ faccio ‘e ccarte senza denare…
Bella pariglia fossemo a fa’ ammore?

Ma cu sti mode, oje Briggeta,
tazza ‘e cafè parite…
sotto tenite ‘o zucchero
e ‘ncoppa amara site…
Ma i’ tanto ch’ haggi’ ‘avutà…
e tanto ch’ haggia girà…
c’ ‘ o ddoce ‘e sotto ‘a tazza
fin’a ‘mmocca m’add’arrivà!

Radio Napoli

Clicca qui e ascolta Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu