‘A legge

‘A legge ha una struttura poetica e narrativa di grande efficacia. In tre strofe, E.A. Mario sintetizzò la vicenda di un amante assassino che si rivolge a tra distinte figure. Dapprima, parla alle guardie che lo arrestano. Poi ai carcerieri che lo custodiscono e, infine, al magistrato che lo giudica. Si tratta di un impianto perfetto per un brano ricco di momenti plateali e toccanti. Proprio per questo ‘A legge si colloca a metà strada tra la sceneggiata e la canzone di giacca. Fu pubblicata nel 1919 con musiche di Pacifico Vento.

GLI INTERPRETI DI ‘A LEGGE

Tra i principali interpreti di ‘A legge va ricordato Mario Merola, probabilmente quello che più di tutti ha rinnovato il successo della prima esecuzione, quella di Ettore Fiorgenti al Teatro Umberto di Napoli. Da segnalare anche la versione molto teatrale di Antonio Sorrentino

TESTO

Mm’ammanettate ccá? Che mme ne ‘mporta.
Chist’è ‘o duvere vuosto: ccá stongh’i’.
Nun mme ne pento. Ll’aggi’accisa…è morta?
Chesta commedia êv’ ‘a ferní accussí.

Fa chiagnere vedennola ccá ‘nterra,
accussí bella e tanto malamente.
Nèh, dint’a niente mme disprezza, va a spusá,
si scorda e me… e i’ ch’ero, marisciá’?
Na cosa ‘e niente?

Ce ‘o vvoglio rinfacciá mo ch’è fernuto:
stu tradimento nun ll’avev”a fá.
Io carcerato, essa ‘int’ ‘o tavuto,
mamma ca chiagne e nun mme pò salvá.

“Ma piéntete na vota” lle dicevo,
“pecché mm’ ‘o ffaje,
pecché mme miette ‘ncroce?
‘Sta vocca doce no, nun vasa sulo a me,
‘nfama ca si'”.
Che ‘nfama brigadié’,
mm’ha miso ‘ncroce!

Cu ‘a veste ‘e sposa è ghiuta dint’ ‘a cchiesa
e,’nnanze a Dio, a n’ato ha ditto Sí.
E’ stato pe’ leggittima difesa
ca ll’aggi’accisa, o essa o murev’i’!

Tu, giudice,
mm’accuse e mme cundanne,
ma tu, accussí, nun rappresiente ‘a legge.
Gente cchiù peggia ll’hê mannata a libertá,
pènzace tu.
Tu â casa mm’hê ‘a manná
si ‘a legge è legge.

Radio Napoli

Clicca qui e ascolta Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu