‘A cammesella

‘A cammesella è un duetto scherzoso che racconta la richiesta di un (innocente) spogliarello., fatta da un focoso sposo ad una timida moglie durante la prima notte di nozze. La data indicata è quella dell’edizione arrivata fino ai giorni nostri, cioè quella che assegna l’anno 1875 alla composizione di Stellato e Melber. Molti storici, però, ritengono che le origini si ‘A cammesella affondino alla fine del Settecento, se non addirittura nel Seicento. A conferma di questa tesi viene citata la versione (probabile rielaborazione) firmata da Teodoro Cottrau con il titolo E benedetta mammata.

GLI INTERPRETI DI ‘A CAMMESELLA

Dotata di un motivo musicale decisamente orecchiabile, nel tempo ‘A cammesella è diventata un classico della canzone comica grazie anche, e soprattutto, alla irresistibile versione che ne diede Totò, con Fiorella Mari, nel film Siamo uomini o caporali del 1955.
Fra le interpretazioni più conosciute, quella di Pina Lamara con Amedeo Pariante e quella di Gabriella Ferri in uno spettacolo televisivo degli anni ‘70.

TESTO DI ‘A CAMMESELLA

E levate ‘o mantesino!
‘O mantesino, gnerno’, gnerno’!
E levate ‘o mantesino!
‘O mantesino, gnerno’, gnerno’!

Si nun to vuo leva’,
mme soso e mme ne vaco da cca’!
Si nun to vuo’ leva’,
mme soso e mme ne vaco da cca’!…

E te’, mme ll’aggio levato,
Ciccillo, cuntento, fa’ chello ca vuo…
E te’, mme ll’aggio levato,
Ciccillo, cuntento, fa’ chello che vuo…

Sia benedetta mammema, quanno mme marito’.
Sia benedetta mammeta, quanno te marito’.

E levate ‘a vesticciolla!
‘a vesticciolla, gnerno’, gnerno’!
E levate ‘a vesticciolla!
‘a vesticciolla, gnerno’, gnerno’!

Si nun to vuo leva’,
mme soso e mme ne vaco da cca’!
Si nun to vuo’ leva’,
mme soso e mme ne vaco da cca’!…

E te’, mme ll’aggio levato,
Ciccillo, cuntento, fa’ chello ca vuo…
E te’, mme ll’aggio levato,
Ciccillo, cuntento, fa’ chello che vuo…

Sia benedetta mammema, quanno mme marito’.
Sia benedetta mammeta, quanno te marito’.

E levate ‘o suttanino!
‘o suttanino, gnerno’, gnerno’!
E levate ‘o suttanino!
‘o suttanino, gnerno’, gnerno’!

Si nun to vuo leva’,
mme soso e mme ne vaco da cca’!
Si nun to vuo’ leva’,
mme soso e mme ne vaco da cca’!…

E te’, mme ll’aggio levato,
Ciccillo, cuntento, fa’ chello ca vuo…
E te’, mme ll’aggio levato,
Ciccillo, cuntento, fa’ chello che vuo…

Sia benedetta mammema, quanno mme marito’.
Sia benedetta mammeta, quanno te marito’.

E levate stu curzetto!
stu curzetto, gnerno’, gnerno’!
E levate stu curzetto!
stu curzetto, gnerno’, gnerno’!

Si nun to vuo leva’,
mme soso e mme ne vaco da cca’!
Si nun to vuo’ leva’,
mme soso e mme ne vaco da cca’!…

E te’, mme ll’aggio levato,
Ciccillo, cuntento, fa’ chello ca vuo…
E te’, mme ll’aggio levato,
Ciccillo, cuntento, fa’ chello che vuo…

Sia benedetta mammema, quanno mme marito’.
Sia benedetta mammeta, quanno te marito’.

E levate ‘a cammesella!
‘a cammesella, gnerno’, gnerno’!
E levate ‘a cammesella!
‘a cammesella, gnerno’, gnerno’!

Si nun to vuo leva’,
mme soso e mme ne vaco da cca’!
Si nun to vuo’ leva’,
mme soso e mme ne vaco da cca’!…

E te’, mme ll’aggio levato,
Ciccillo, cuntento, fa’ chello ca vuo…
E te’, mme ll’aggio levato,
Ciccillo, cuntento, fa’ chello che vuo…

Sia benedetta mammema, quanno mme marito’.
Sia benedetta mammeta, quanno te marito’.

E damme, Cecce’, nu vasillo!
nu vasillo, gnerno’, gnerno’!
E damme, Cecce’, nu vasillo!
nu vasillo, gnerno’, gnerno’!

Si nun me lo vuo’ da’,
mme soso e mme ne vaco da cca’!
Si nun me lo vuo’ da,
mme soso e mme ne vaco da cca’!…

E tecchete ca lu vasillo,
Ciccillo, cuntento, fa’ chello ca vuo…
E tecchete ca lu vasillo,
Ciccillo, cuntento, fa’ chello che vuo…

Sia benedetta mammema, quanno mme marito’.
Sia benedetta mammeta, quanno te marito’.

Radio Napoli

Clicca qui e ascolta Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu