Te voglio bene assaje

(Sacco – attr. Gaetano Donizetti) • 1839

Te voglio bene assaje è la canzone più celebre della prima metà dell’Ottocento, ma anche una delle più belle e preziose dell’intero repertorio partenopeo. Racconta Salvato­re di Giacomo che conquistò Na­poli la sera stessa in cui il popolo la sentì dalle fine­stre del salotto dove veniva eseguita per la prima volta. Nella monumentale, e fondamentale, Enciclopedia della canzone napoletana di Ettore De Mura viene riprodotta una versione, indicata come la prima edizione, composta da ben 19 strofe e intitolata Canzona.

Grande merito del successo fu della melodia che molti attribuiscono a Gaetano Donizetti.

Te voglio bene assaje raggiunse una tale diffusione che presto i versi di Raffaele Sacco divennero oggetto di diverse parodie. Famosa quella del barone Zezza: “Da cinche mise, cànchero, / Matina, iuorno e ssera / Fanno sta tiritera/ Tutte li maramè/ Che siente addò tè vuote? / Che siente addò tu vaie?/ Te voglio bene assaje, / E ttu nun pienze a mme!“.

Tra le tante interpretazioni, molto raffinata quella di Milva e quella a due voci di Angelo Branduardi ed Eugenio Finardi.

TESTO DI TE VOGLIO BENE ASSAJE

‘Nzomma songh’io lo fauzo?
Appila, sì majesta,
ca ll’arta toja è chesta!
Lo dico ‘mmeretà:
io jastemmà vorria
lo juorno che t’amaje!

Io te voglio bbene assaje
e tu nun pienze a me.

Pecché quanno me vide
te ‘ngrife comm’a gatto?
Nennè, che t’aggio fatto
ca no mme può vedè?
Io t’aggio amato tanto,
si t’amo tu lo saje.

Io te voglio bbene assaje
e tu nun pienze a me.

La notte tutte dormeno,
ma io che bbuò durmì!
Penzanno â nenna mia,
mme sento ascevolì.
Li quarte d’ora sonano
a uno, a ddoje, a tre.

Io te voglio bbene assaje
e tu nun pienze a me.

Recordate lo juorno
ca stive a me becino
E te scorreano ‘nzino
le llacreme accossì!
Deciste a me: “Nun chiagnere,
ca tu lo mio sarraje!”

Io te voglio bbene assaje
e tu nun pienze a me.

Guardame ‘nfaccia e vide
comme song’arredutto:
sicco, peliento e brutto,
nennella mia, pe’ tte!
Cusuto a filo duppio
co tte me vedarraje.

Io te voglio bbene assaje
e tu nun pienze a me.

Saccio ca nun vuò scennere
la grada quanno è scuro.
Vattenne muro muro,
appojate ‘ncuoll’a me!
Tu, ‘n’ommo comm’a chisto,
addò lo trovarraje?

Io te voglio bbene assaie
e tu nun pienze a me.

Quanno sò fatto cennere,
tanno me chiagnarraje.
Sempe addimannarraje:
“Nennillo mio addò è?”
La fossa mia tu arape
e llà me trovarraje.

Io te voglio bbene assaie
e tu nun pienze a me.

LE IMMAGINI DI TE VOGLIO BENE ASSAJE

Te voglio bene assaje

Lo spartito di Te voglio bene assaje

 

Gaetano Donizetti

Gaetano Donizetti

 

Michele Zezza

Michele Zezza

Radio Napoli

Clicca qui per ascoltare Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu