Munasterio ‘e Santa Chiara

Munasterio ‘e Santa Chiara è’ la prima canzone napoletana famosa del dopoguerra, pietra miliare nel nuovo corso del canto partenopeo. La voce di un emigrante smanioso di tornare a Napoli si leva da­gli splendidi versi. Allo stesso tempo, però, è una voce timorosa di ritrovare la città distrutta dal conflitto mondiale. L’ampia melodia di Munasterio ‘e Santa Chiara ha un taglio modernissimo nonostante i molti riferimenti lirici.

Essa è in­trisa di una efficace drammaticità che, tuttavia, non concede nulla alla retorica. In Italia divenne una sorta di inno nazionale poiché il testo rispecchiava i sentimenti di un popolo intero. Un popolo che, in un paesaggio di rovine, si ritro­vava ad affrontare con an­goscia un mondo completamente cambiato.

monastero di Santa Chiara

Il monastero di Santa Chiara distrutto dalle bombe

COME NACQUE MUNASTERIO ‘E SANTA CHIARA

Michele Galdieri scrisse Munasterio ‘e Santa Chiara per un quadro musicale della rivista Imputati, alziamoci! Si trattava del primo spettacolo teatrale realizzato in Italia dopo la Seconda guerra mondiale. L’anno era il 1945 e il cast annoverava attori eccezionali come Totò, Anna Magnani, Pappino De Filippo, Alberto Sordi. Giacomo Rondinella era l’interprete di Munasterio ‘e Santa Chiara e, fin dal debutto, fu in grado di commuovere il pubblico.

Michele Galdieri ricordava così la nascita della canzone, scritta sulla musica di Barberis: «M’innamorai della musica appena la sentii. Infatti, di getto volli dedicarla al monastero di Santa Chiara, che sorge dove trascorsi gli anni della giovinezza. Avevo saputo che una bomba si era abbattuta su Santa Chiara e mi doleva il cuore». Un dolore reso poeticamente in termini di versi e di note

GLI INTERPRETI

Come ogni canzone napoletana famosa che si rispetti, vanta innumerevoli versioni. A parte quella di Giacomo Rondinella, sono da segnalare le incisioni di Roberto Murolo, Massimo Ranieri. e Irene Fargo. Curiosa, poi, la singolare similitudine tra il suo incipit e quello di In a sentimental mood, un classico del jazz.

 

MUNASTERIO ‘E SANTA CHIARA, IL FILM

Lo stesso Galdieri sceneggiò il film Monastero di Santa Chiara, noto anche con il titolo Napoli ha fatto un sogno. La pellicola fu girata da Mario Sequi nel 1951, ma gli ci vollero due anni per uscire nelle sale. Gli interpreti furono Massimo Serato, Nino Manfredi ed Edda Albertini che, doppiata da Ebe De Paulis, cantò Munasterio ‘e Santa Chiara. Il film si avvaleva della partecipazione straordinaria, in veste di narratore-introduttore, di Alberto Moravia nella parte di se stesso.

Spartito di Munasterio e Santa Chiara

Lo spartito

TESTO DI MUNASTERIO ‘E SANTA CHIARA

(Galdieri –Barberis) • 1945

Dimane? Ma vurría partí stasera.
Luntano, no, nun ce resisto cchiù.
Dice che c’è rimasto sulo ‘o mare,
che è ‘o stesso ‘e primma, chillu mare blu.

Munasterio ‘e Santa Chiara,
tengo ‘o core scuro scuro.
Ma pecché, pecché ogne sera,
penzo a Napule comm’era,
penzo a Napule comm’è?

Funtanella ‘e Capemonte,
chistu core mme se schianta,
quanno sento ‘e dí da ‘a gente
ca s’è fatto malamente
stu paese, ma pecché?
No, nun è overo.
No, nun ce créro.
E moro cu ‘sta smania ‘e turnà a Napule.
Ma ch’aggi’ ‘a fà?
Mme fa paura ‘e ce turnà.

Paura? Sí, si fosse tutto overo?
Si ‘a gente avesse ditto ‘a verità?
Tutt’ ‘a ricchezza ‘e Napule era ‘o core.
Dice ch’ha perzo pure chillu llà.

Munasterio ‘e Santa Chiara.
‘Nchiuse dint’a quatto mura,
quanta femmene sincere,
si perdévano ll’ammore,
se spusavano a Gesù.

Funtanella ‘e Capemonte,
mo, si pèrdono n’amante,
giá ne tènono ati ciento.
Ca, na femmena ‘nnucente,
dice ‘a gente, nun c’è cchiù.
No, nun è overo.
No, nun ce crero.
E moro pe’ ‘sta smania ‘e turnà a Napule.
Ma ch’aggi’ ‘a fà.
Mme fa paura ‘e ce turnà.

(ritornello)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu