Luna caprese

L’aneddotica legata a Luna caprese vuole che Augusteo Cesareo ne compose i versi sulla seggiovia del monte Solaro a Capri. Ad ispirarlo, il panorama mozzafiato che gli si parava davanti, sospeso tra mare e cielo. Di sicuro, nella storia della canzone, c’è che vide la luce nel 1953, proponendosi subito come inno dell’isola azzurra.

Luigi Ricciardi ne musicò i versi, dotandoli di un’elegante melodia a tempo di be­guine. Il risultato finale fu una canzone briosa, che richiama l’atmosfera e le intenzioni della serenata. Luna caprese mescola con grande abilità invocazioni alla luna, sospiri d’amore e velati echi turistici. E ancor più sapientemente si presenta con un titolo che suona come contraltare all’altrettanto famosa Luna rossa. Entrambe quindi a pieno diritto nell’elenco delle canzoni napoletane dedicate alla luna.

IL LANCIO A CAPRI E IL SUCCESSO NEL MONDO

La storia di Luna caprese iniziò una notte d’estate ad Anacapri. Nilla Pizzi ne fu la prima interprete, ri­cevendo ben otto richieste di bis da un pubblico osan­nante. Divenne poi famosa in tutto il mondo al pari di un classico dell’epoca d’oro. La sua diffusione mondiale si deve soprattutto a Connie Francis e Dalida. La prima ebbe il merito di farla conoscere negli Stati Uniti. La seconda, invece, la tradusse in francese, favorendone il successo nei paesi francofoni.

Negli an­ni Sessanta, conobbe un notevole rilancio grazie alla rivisitazione di Peppino Di Capri, che scalò la hit parade nazionale. Tra i tanti nomi legati alla storia di Luna caprese, da segnalare quelli di Peter Van Wood e Bob Azzam.

 

storia

La copertina del 45 giri di Connie Francis con Luna caprese

TESTO DI LUNA CAPRESE

Ohéee.
Cu me cantate ‘sta canzone.
Vuje ca suffrite ‘e ppene de ll’ammore,
Capre, ve pò ‘ncantá cu na parola.

So’ accumparute ‘e stelle a primma sera,
tutta Tragára1 luce ‘mmiez’ô mare.
Na fascia ‘argiento sott’ ‘e Faragliune
e nu mistero ‘int’a ‘sta notte chiara.
Notte ‘e silenzio e i’, mo, chesta canzone,
cantá vulesse a chi mm’ha affatturato.

Tu, Luna, Luna tu, Luna caprese,
ca faje sunná ll’ammore a ‘e ‘nnammurate,
adduorme a nénna mia ca sta scetata
e falla ‘nnammurá cu na buscía.
Tu, Luna, Luna tu, Luna busciarda,
famme passá sti ppene ‘e gelusia
e fa’ ca nénna fosse tutt’ ‘a mia.
Tu, Luna, Luna tu, Luna caprese.

E mo ca pure ‘o mare s’è addurmuto
e ‘e nnuvole li stelle hanno stutato,
dint’a sti bbracce meje, passione amara,
io te vurría tené cu nu respiro.
Ma è inutile, è destino, ca stu core,
canta surtanto pe’ chi dice no.

Tu, Luna, Luna tu, Luna caprese,
ca faje sunná ll’ammore a ‘e ‘nnammurate,
adduorme a nénna mia ca sta scetata
e falla ‘nnammurá cu na buscía.
Tu, Luna, Luna tu, Luna busciarda,
famme passá sti ppene ‘e gelusia
e fa’ ca nénna fosse tutt’ ‘a mia.
Tu, Luna, Luna tu, Luna caprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu