Cicerenella

Cicerenella è un’antica filastrocca dialettale costituita dall’interminabile elenco degli oggetti posseduti dal mitico personaggio che le dà il nome. Come in tutte le filastrocche, lo schema narrativo è basato su una sequenza di strofe intervallate da un breve ritornello.

Cicerenella mia si’ bbona e bella” diventa una sorta di tormentone che introduce la presentazione di un oggetto. Oggetto che diventa, a sua volta, la scusa per descrivere un qualche estroso comportamento del protagonista. Per esempio, “Cice.renella tenea no Giardino e l’annacquava co l’acqua e lu vino”.

Il testo abbonda di rime e assonanze, mentre il vivace ritmo è quello di una tarantella in modo minore. Proprio il carattere giocoso ne ha fatto uno dei motivi napoletani più diffusi.
È stato uno dei brani più rappresentativi del movimento di folk revival degli anni ’70.
Si segnalano le interpretazioni di Roberto Murolo e della Nuova Compagnia di Canto Popolare.

TESTO DI CICERENELLA

Cicerenella mia, si’ bona e bella.

Cice.renella tenéa nu ciardino
e ll’adacquava cu ll’acqua e lu vino.
Ma ll’adacquava po’ senza langella.
Chist’è ‘o ciardino de Cicerenella.

Cice.renella teneva na gatta
ch’era cecata e purzí scontraffatta.
La strascenava cu meza codella.
Chest’è la gatta de Cicerenella.

Cice.renella teneva nu gallo
e tutta la notte nce jéva a cavallo.
Essa nce jéva po’ senza la sella.
E chisto è lo gallo de Cicerenella.

Cicerenell teneva nu ciuccio
e ll’avéa fatto nu bellu cappuccio.
Ma nu teneva né ossa e né pelle.
Chisto è lu ciuccio de Cicerenella.

Cice.renella tenéa na gallina
che facéa ll’uovo de sera e matina.
Ll’avéa ‘mparata a magná farenella.
Chest’è ‘a gallina de Cicerenella.

Cicerenell tenéa na pennata,
e, tutta la notte, steva allummata.
E ll’allummava co la lucernella.
Chesta è ‘a pennata de Cicerenella.

Cice.renella teneva na vótte.
Mettea da coppa e asceva da sotto.
E nun ce steva tompagno e cannella.
Chesta è la vótte de Cicerenella.

Cice.renella tenéa na remessa
e nce metteva cavallo e calesse.
E nce metteva la soja tommonella.
Chesta è ‘a remessa de Cicerenella.

Cicerenella tenéa na tièlla,
frijeva ll’ove cu la mozzarella.
E le ffrijeva cu la sarcenella.
Chesta è ‘a tièlla de Cicerenella.

Cicerenell mia, si’ bona e bella.

Radio Napoli

Clicca qui e ascolta Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu