Agata

Come ogni macchietta, anche Agata è costruita su una serie di significati a doppio senso. I quali oggi, molto probabilmente, troverebbero l’ostracismo dei più. Altri tempi, altre risate.

Resta il fatto che la premiata ditta Pisano-Cioffi seppe tratteggiare in modo brillante le tristi, ma comiche sorti di un uomo sfortunato. Era un uomo sfortunato perchè era ignorato dalla donna di cui si era perdutamente innamorato. La prima interpretazione di Agata, la macchietta, fu quella di Leo Brandi al teatro Bellini di Napoli nel 1937. Inutile negare, comunque, che si deve a Nino Taranto la definitiva consacrazione. In pratica, un merito analogo a quello di Ciccio Formaggio. A Nino Ferrer il merito di averne proposto sia una versione in francese che una in italiano. Entrambe molto spiritose.

TESTO DELLA MACCHIETTA AGATA

(Pisano-Cioffi) • 1937

Io mme metto ‘o steccadente in bocca
pe’ nun fumá.
Nun ce veco e nun mm’accatto ‘e llente
pe’ sparagná.
Vivo solo col mensile
d’impiegato comunale,
spacco ‘a lira, spacco ‘o soldo,
spacco pure ‘o “duje centè'”.
E tu invece te la intendi
col padrone di un caffè.

Agata!
Tu mi capisci.
Agata!
Tu mi tradisci.
Agata!
Guarda, stupisci!
Ch’è ridotto quest’uomo per te.

Mm’accattaje nu cappelluccio tuosto
tre anne fa.
E, ‘a tre anne, ‘o tengo sempe ‘ncapa.
Nun c’è che fá.
Stu vestito grigio scuro,
s’è cambiato di colore,
mo s’è fatto verde chiaro.
Era n’abito ‘e papá.
E mm’ha ditto ‘o cusetore:
“Nun ‘o pòzzo arrevutá,
ll’aggio troppo arrevutato.
Ve cunziglio d’ ‘o jettá”.

Agata!
(ritornello)

Ho ridotto il pasto giornaliero,
sempre per te.
‘A matina, nu bicchiere d’acqua,
senza cafè.
Vèngo â casa e nun te trovo,
‘o purtiere tene ‘a chiave:
“Dov’è andata?”.
“A’ sala ‘e ballo”.
Mi commuovo e penzo che
te facive ‘a partetella,
tutt’ ‘e ssere, ‘nziem’a me.
Mo mme faccio ‘o sulitario,
guardo in cielo e penzo a te.

Agata!
(ritornello)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu