(Pisano-Cioffì) • 1940

Ciccio Formaggio è una delle famose macchiette scritte dalla premiata ditta Pisano e Cioffi. La trama è tipica del genere umoristico e narra le tragicomiche vicissitudini di un “povero uomo”. Povero perché perdutamente innamorato di una donna cinica, di nome Luisa, che si diletta a martoriare il malcapitato con piccoli e grandi dispetti. Tale è la sudditanza psicologica, però, che il povero Ciccio Formaggio subisce senza reagire e senza accusarla.

L’andamento della canzone è scandito dal susseguirsi incalzante di situazioni paradossali e grottesche. Irresistibile la carica ironica definita dalla ricchezza di significati a doppio senso e resa ancora più incisiva dal surreale ritornello.

Ciccio Formaggio fu dapprima interpretata da Leo Brandi e poi da Nino Taranto, che ne fece un suo cavallo di battaglia. Tutt’oggi presente nel repertorio di molti attori-cantanti, negli anni Settanta è stato interpretata con una comicità esilarante da una brillante Gabriella Ferri.

TESTO DI CICCIO FORMAGGIO

Te ‘ncuntraje,
te parlaje
e m’innamorai di te.
Mme guardaste,
mme diciste:
“Mi piacete pure a me”.

Ma tutt’ ‘o bbene
ca hê ditto sempe ‘e mme vulé,
è na buscía
ch’è asciuta ‘ncopp’ ‘o naso a te.

Si mme vulisse bene
overamente,
nun mme facisse
‘ncujetá da ‘a gente,
nun mme tagliasse
‘e pizze d’ ‘a paglietta,
nun mme mettisse
‘a vrénna ‘int’ ‘a giacchetta.
Si mme vulisse bene, o mia Luisa,
nun mme rumpisse
‘o cuollo d’ ‘a cammisa.

Si’ na ‘nfá’…, si’ na ‘nfá’…,
si’ na ‘nfama.
Te n’abù’…, te n’abù’…,
te n’abuse…
te n’abuse ca Ciccio Formaggio
nun tene ‘o curaggio
nemmeno ‘e parlá.

Si sapisse,
si vedisse,
dint’ ‘o core mio che nc’è.
Cumpatisse,
mme dicisse:
“Puveriello, ma pecché?”

Ma ‘ncopp’ ‘o core
tu nce tiene ‘e pile, ‘o ssá’,
ca nu barbiere
nun ce abbasta p’ ‘e ttagliá.

Si mme vulisse
bene overamente,
nun mme facisse
‘ncujetá da ‘a gente,
nun mme tirasse
‘e pile ‘a dint’ ‘e rrecchie,
nun mme mettisse
‘o dito dint’a ll’uocchie,
nun mme mettisse
‘a neve dint’ ‘a sacca,
nun mme squagliasse
‘ncapa ‘a ceralacca.

Si’ na ‘nfá’…, si’ na ‘nfá’…,
si’ na ‘nfama.
Te n’abù’…, te n’abù’…,
te n’abuse…
te n’abuse ca Ciccio Formaggio
nun tene ‘o curaggio
nemmeno ‘e parlá..

L’altro giorno,
ma che scorno.
Vengo a casa e trovo a te
spettinata,
abbracciata
‘nziem’a n’ommo. Bèh, ched è?

Mme rispunniste:
“Chisto vene a te ‘mpará
comme se vasa
quanno tu mm’hê ‘a spusá”.

Si mme vulisse bene
overamente,
nun mme facisse
‘ncujetá da ‘a gente,
nun mme menasse
‘e streppe ‘e rafanielle,
nun mme mettisse
‘a quaglia ‘int’ ‘o cappiello,
nun mme facisse
stá, pe’ n’ora sana,
cu ‘a pippa ‘mmocca
e cu ‘a cannela ‘mmano.

Si mme vulisse
bene overamente,
nun mme facisse
‘ncujetá da ‘a gente,
nun mme pugnisse
areto cu ‘o spillone,
nun mme mettisse
‘a colla ‘int’ ‘o cazone,
nun mme screvisse,
cu nu piezzo ‘e gesso,
aret’ ‘o matinè:
“Ciccí’ si’ fesso”.

Si’ na ‘nfá’…, si’ na ‘nfá’…,
si’ na ‘nfama.
Te n’abù’…, te n’abù’…,
te n’abuse…
te n’abuse ca Ciccio Formaggio
nun tene ‘o curaggio
nemmeno ‘e parlá.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu