Lariulà

Lariulà porta la firma di Salvatore de Giacomo e Mario Costa, che la composero nel 1888. Come indicato da Salvatore Palomba nel suo libro “La canzone napoletana”, la canzone contiene raffinati riferimenti letterari. Il testo è liberamente ispirato al carme L’amore antico, contenuto nel III libro dei Carmina di Orazio. Lo scrittore e studiosa evidenzia la notevole similitudine tra le chiusure dei due componimenti. Orazio scrive in latino “Vorrei viver conte, con te morire“. Salvatore di Giacomo replica in napoletano “Voglio campà cu tte, murì cu ttico“.
Il vivace motivo musicale accompagna un caratteristico duetto a dispetto fra innamorati, fatto di litigi e riappacificazioni. Secondo alcuni critici, il trascinante ritornello richiama le migliori pagine dell’opera buffa napoletana.

Notevoli le interpretazioni di Fausto Cigliano e Miranda Martino. Tra le versioni in duetto si ricordano quelle di Pina Lamara e Mario Pasqualillo, Michele Montanari econ Ebe De Paulis e, soprattutto, quella di Mina con Peppino De Filippo.

TESTO DI LARIULÀ

– Frutto ‘e granato mio, frutto ‘e granato,
quanto t’aggio stimato a tiempo antico!
Tiénete ‘o muccaturo arricamato
tutta sta robba mia t’ ‘a benedico…

– Quanto si’ bello e quanto si’ curtese!
Io t’era indifferente e mo se vede;
tacchete ‘o muccaturo ‘e seta ingrese,
fossero accise ll’uommene e chi ‘e crede!

Ah, lariulà,
lariu-lariù-lariulà!
L’ammore s’è addurmuto,
nun ‘o pozzo cchiù scetà!

– E quanno è chesto, siente che te dico:
io faccio ‘ammore cu na farenara;
tiene nu magazzino ‘int’a stu vico,
ll’uocchie che tene so’ na cosa rara!

– E quanno è chesto, io pure faccio ‘ammore,
e a n’atu ninno mo tengo ‘o penziere:
s’erano date a ffuoco anema e core,
mme so’ raccumannata a nu pumpiere…

Ah, lariulà.
lariu-lariù-lariula!
L’ammore s’è addurmuto,
nun ‘o pozzo cchiù scetà!

– Ah, vocca rossa comme a nu granato!
Chi ‘o ssape ‘o tiempo antico si è fernuto?…
Chello ch’è certo è ch’io sto ntussecato,
e ‘o sapore d’ ‘o ppane aggio perduto!…

– Si’ stato sempe bello e ntussecuso,
e pure, siente, vide che te dico,
nun me ne mporta ca si’ furiuso,
voglio campà cu te, murì cu ttico!

Ah, lariulà,
lariu-lariù-lariula!
L’ammore s’è scetato,
s’è scetato e lariulà!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu