Vieneme ‘nzuonno

Sergio Bruni Vieneme ‘nzuonno ma anche Nilla Pizzi Vieneme ‘nzuono. Sì, perché il successo di questa canzone di Marcello Zanfagna e Lino Benedetto deve molto, forse tutto, ad entrambi. La presentarono al Festival di Napoli del 1959 e raggiunsero il terzo posto. Meglio di loro fecero solo la vincitrice Sarrà… chi sa! e l’ormai sconosciuta Padrone d’ ‘o mare. Nilla Pizzi la interpretò in maniera superlativa, conoscendo, di fatto, il suo ultimo grande successo.

SERGIO BRUNI VIENEME ‘NZUONNO

Anche Sergio Bruni eseguì ottimamente il brano dal vivo, ma fu la sua versione discografica a passare alla storia. La sua incisione, infatti, raggiunse il terzo posto nella hit parade: ecco il perché del binomio Sergio Bruni Vieneme ‘nzuonno.
La critica ha parlato del brano come di una “bellissima canzone d’amore dai toni struggenti.” I suoi versi si ispirano a “quella filosofia tipicamente napoletana che risolve molti fatti della vita in una dimensione onirica.” Ed ancora: “la splendida melodia a tempo di beguine è molto articolata e suadente. Evidenti i richiami al canto tradizionale partenopeo.”

GLI AUTORI DI VIENEME ‘NZUONNO

Se è giusto dire Sergio Bruni Vieneme ‘nzuonno, è doveroso ricordare Marcello Zanfagna e Lino Benedetto, i due autori.
Marcello Zanfagna è stato un giornalista di professione prima che un paroliere. Fu corrispondente di guerra e poi collaboratore di vari quotidiani e della Rai.
Lino Bendetto è stato un apprezzato compositore napoletano. Iniziò la sua carriera nel secondo dopoguerra creando una propria orchestra da ballo. Si esibiva nei principali locali italiani e anche alla radio. Prima di Vieneme ‘nzuonno, scrisse la musica di Surriento d’ ‘e nnammurate (1950) e di Manname nu raggio ‘è sole (1956)

SERGIO BRUNI VIENEME ‘NZUONNO, IL TESTO

(Zanfagna – Benedetto) • 1959

E pass’ ‘o tiempo
sunnanno ll’ammore,
sultanto ll’ammore.
E nun s’arrènne stu core,
penzanno, aspettanno a te.
Pure ‘a vernata fredda
se ll’accarezza ‘o sole.
Ma ‘o sole,
‘o sole mio, addó’ sta?

Viéneme ‘nzuonno sì,
viéneme ‘nzuonno.
Nun mme scetà,
famme ‘mpazzì
‘nzieme cu’tté.
Mme pare overo ca sì turnata
comm’a na vota
abbracciata cu’mmé.
Ammore, ammore mio.
Sento ancora dint’ ‘e vvene,
‘o desiderio e ‘o bbene,
damm’ ‘a mano, damme ‘o core.
Io voglio sulo a te.
Viéneme ‘nzuonno, sì,
viéneme ‘nzuonno,
te voglio dì:
“‘O sole mio si’ tu”.

Facimmo pace.
Nun ‘mporta ‘o ppassato,
ce sta nu dimane.
Io conto ‘e juorne suffrenno,
vulenno sultanto a te.
‘Sta vita nun è vita
si nun ce sta ll’ammore
e ‘ammore,
‘ammore mio si’ tu.

Viéneme ‘nzuonno, sì,
………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu