capurro

Capurro 100, tributo al poeta di ‘O sole mio

Dici Giovanni Capurro e pensi subito ad ‘O sole mio, certo. Giovanni Capurro, però, non compose solo il testo della canzone italiana più nota al mondo. Fu, ed è, una delle voci più importanti della poesia partenopea. Se ne andò il 18 gennaio 1920, lasciandoci un inestimabile patrimonio di versi. Nel centenario della sua morte, domenica 19 gennaio alle 11.30 sarà ricordato presso la sala da concerto Napulitanata. Sarà una mattinata di canzoni, di poesie, con un’anteprima tutta da scoprire.

CAPURRO 100, TRIBUTO AL POETA DI ‘O SOLE MIO

Il tributo all’autore di ‘O sole mio si intitola Capurro 100 e proporrà un articolato excursus nel repertorio capurriano. I protagonisti saranno Napulitanata Ensemble, la cantante Francesca Fariello e il giornalista-poeta Gianni Valentino. La scaletta dell’evento prevede anche la partecipazione dello studioso Ciro Daniele. Infatti, sarà un suo ricordo di Giovanni Capurro ad aprire la matinée.

Subito dopo sarà la volta del collettivo musicale Napulitanata, che anima la sala da concerto dedicata alla canzone classica napoletana. Pasquale Cirillo, Mimmo Matania & co. interpreteranno Lili Kangy, Ammore che gira, Addo ce mette ‘o musso Margarita e Quanno mammeta nun ce sta. Quattro canzoni scelte tra le oltre 200 firmate da Giovanni Capurro. Dal canto suo, Gianni Valentino reciterà Scunferenza e Sfratto ‘e casa. Si tratta di due testi che rivelano la grande sensibilità dell’autore di ‘O sole mio. Un poeta che raccontò le disagiate condizioni di vita della Napoli popolare, anticipando Ferdinando Russo e Raffaele Viviani.

LA RISCOPERTA DI BUSCIA E L’ANGELO MIO!

L’omaggio a Giovanni Capurro vivrà un momento di notevole interesse con l’esibizione di Francesca Fariello. Accompagnata dal pianista Antonio Gillo, la cantante interpreterà Buscia e L’angelo mio! Si tratta di due canzoni di Capurro letteralmente “dimenticate” e ritrovate negli archivi della Fondazione Bideri. Francesca Fariello le ha registrate facendole diventare un innovativo 45 giri phygital.

Lo spartito di Buscia
Il frontespizio dello spartito di Buscia

IL 45 GIRI PHYGITAL

Che cos’è un 45 giri phygital? È un supporto che del 45 giri ripropone tutto, sia la copertina a due facciate che il disco all’interno. La novità sta nella modalità di ascolto: non serve un giradischi. Buscia e L’angelo mio! possono essere ascoltate in tempo reale con il telefonino. Basta inquadrare con la fotocamera i due QR code presenti sulle etichette del disco. Come dire che due belle canzoni di Capurro usciranno dall’oblio con un semplice clic.  

L’esibizione di Francesca Fariello e la presentazione del 45 giri phygital faranno da prologo ad un finale corale. Come logico e giusto che sia, Capurro 100 terminerà con l’interpretazione di ‘O sole mio. La eseguiranno tutti gli artisti intervenuti e, ma questo è facile prevederlo, anche tutti gli spettatori presenti.

45 giri Buscia e L'angelo mio
La copertina del 45 giri phygital con Buscia e L’angelo mio!

Capurro 100 si svolgerà domenica 19 gennaio 2020 alle ore 11.30 presso la sala da concerto Napulitanata. Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

, , , , ,
Articolo precedente
Un archivio digitale per la canzone napoletana a Palazzo Reale
Articolo successivo
Quando ‘O sole mio portò la speranza ad Auschwitz

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu