Mostra fotografica e sonora della canzone

Mostra fotografica e sonora della Canzone Napoletana

La Mostra fotografica e sonora della Canzone Napoletana è un’esposizione di scatti d’epoca e canzoni napoletane visitabile via Skype. In estrema sintesi, è questa l’ultima iniziativa promossa dall’associazione Napulitanatanella sua sede di piazza Museo, 10 a Napoli. In realtà, però, è ben altro: è una prova di resilienza culturale nel segno della canzone classica napoletana.

UNA MOSTRA VIA SKYPE

Realizzata con il contributo della Regione Campania, la Mostra fotografica e sonora della Canzone Napoletana doveva essere un’esposizione tradizionale. In altre parole, era stata pensata per essere visitata normalmente negli spazi dell’associazione. La nuova emergenza Covid, però, ha costretto Mimmo Matania e Pasquale Cirillo a rivederne la modalità di fruizione. Ecco, quindi, l’idea, tanto semplice quanto geniale, di sfruttare le piattaforme di video-messaggistica istantanea per offrire visite guidate in streaming.

Come è possibile allora vedere la Mostra fotografica e sonora della Canzone Napoletana nonostante le restrizioni degli ultimi D.p.c.m.? Basta inviare una mail a mostra@napulitanata.com e prenotarsi, lasciando i propri riferimenti telefonici. All’orario del giorno concordato (dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 18), i ragazzi dell’Associazione chiameranno. il visitatore “remoto” su Skype e compiranno con lui il percorso espositivo allestito. In pratica, sarà come effettuare una visita guidata sfruttando la telecamera dello smartphone. Sono anche previste visite collettive, cioè con più visitatori collegati contemporaneamente. In questo caso sarà utilizzata l’app Teams.

I CONTENUTI DELLA MOSTRA FOTOGRAFICA E SONORA DELLA CANZONE NAPOLETANA

La Mostra fotografica e sonora della Canzone Napoletana è un viaggio emozionale. ancor prima che un’esposizione. Le 40 foto della mostra fissano la Napoli di inizio ‘900 con la soggettiva dei primi fotografi partenopei. Quello che ne viene fuori è un ritratto della città di grande interesse, sia in termini urbanistici che sociali.

Immagini del Vomero e di Posillipo non ancora cementificati e i gradoni di Chiaia, invece, già come appaiono oggi. Bambini vestiti alla marinara che passeggiano con la balia in Villa Comunale. e pescatori scalzi che tirano con fatica le reti sul bagnasciuga di via Caracciolo. E poi tante foto curiose. Come quella che ritrae una carrozzella trainata da due zebre che pubblicizza i grandi magazzini Mele.  Si tratta di scatti che non lasciano indifferenti. E che, d’istinto, spingono a trovare analogie e differenze con la Napoli contemporanea.

LA COLONNA SONORA DELLA MOSTRA

Ad azzerare i cento anni che distanziano le due città ci pensano le canzoni classiche napoletane. Si tratta di brani coevi alle foto che continuano ad essere ascoltati e suonati. Diciotto canzoni che hanno dato vita all’album digitaleNapoli in mostra, ascoltabile sulle principali piattaforme di musica online. Quando sarà possibile visitare in presenza la mostra, i brani potranno essere ascoltati in tempo reale. inquadrando una serie di QR code abbinati alle foto. Nel caso delle visite in remoto, invece, sarà possibile ascoltarli su richiesta durante la videochiamata. Insomma, la Mostra fotografica e sonora della Canzone Napoletana. è un’esperienza di suoni, immagini ed emozioni. L’augurio, ovviamente, è che la si possa visitare dal vivo quanto prima. Nel frattempo, però, le applicazioni digitali consentono di vederla in remoto: una soluzione che sostiene la resilienza della canzone napoletana

LE CANZONI DELLA MOSTRA

Le diciotto canzoni della Mostra fotografica e sonora della Canzone Napoletana sono:

  • Zappatore di Lina Sastri
  • Canto delle lavandaie del Vomero di Amalia Rodrigues
  • Napule ca se ne va di Roberto Murolo
  • Tarantelluccia di Sergio Bruni
  • La rumba degli scugnizzi della N.C.C.P.
  • Fronn’ ‘e rose di Francesca Fariello
  • ‘E spingole frangesedi Ensemble Napulitanata
  • ‘O marenariello di Napoli Jazz Sound
  • ‘O balcone ‘e Napule di Angela Luce
  • Napulitanata di Ensemble Napulitanata
  • Funiculì funiculà di Ensemble Napulitanata
  • ‘E quatt’ ‘e maggio di Mirna Doris
  • Serenata napulitana di Ensemble Napulitanata
  • Reginella di Ensemble Napulitanata
  • ‘O sole mio di Francesca Fariello
  • Torna maggio di Ensemble Napulitanata
  • Tammurriata di Ensemble Napulitanata
  • ‘A nuvena di Gianni Lamagna

Una delle foto in esposizione

,
Articolo precedente
Vincenzo Salemme e le canzoni napoletane
Articolo successivo
Sirena Digitale, Partenope canta Malafemmena in 3D

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu