Piccerella napulitana

Piccerella napulitana, Totò bocciato al Festival di Napoli

Piccerella napulitana è la storia di una bocciatura eccellente, quella di Totò al Festival di Napoli del 1959. La vicenda è quella di una canzone che l’autore avrebbe voluto vedere nelle fasi finali della manifestazione. Il brano, invece, non fu nemmeno selezionato. Il Principe della Risata non la prese affatto bene. Anzi, manifestò pubblicamente il suo disappunto sulle pagine di Sorrisi e Canzoni. La cosa non passò inosservata: si trattava pur sempre di una canzone di Totò, il paroliere della già celeberrima Malafemmena.

TOTÒ AL FESTIVAL DI NAPOLI E PICCERELLA NAPULITANA

Piccerella napulitana è una canzone divertente, che rimanda immediatamente alla più famosa Tu vuò fa l’americano. Totò la scrisse ironizzando su una ragazza nata a Napoli come lui, ma che portava i blue jeans. E diceva pure “I love you”. Lui, però, sapeva che era ‘a figlia ‘e Mastu Ciccio. ca venneva int’ ‘a Arenaccia pesce fritto e baccalà. Come dire, era una dei tanti giovani affascinati dalle mode arrivate d’oltreoceano. Che Totò non vedeva di buon occhio.

In effetti, la canzone non spicca per originalità. Forse fu per questo che la cosiddetta commissione di lettura decise di non inserirla tra le 20 finaliste. Fatto sta che Totò si arrabbiò. Con grande stile, ma si arrabbiò. “Forse la mia canzone Piccerella napulitana meritava miglior sorte.” Confessò in un articolo pubblicato il 21 giugno 1959 su Sorrisi e Canzoni. “Io scrivo canzoni da oltre trent’anni e l’ho fatto sempre per hobby, il mio hobby. Sostengo a spada tratta che le canzoni andrebbero scritte solo per hobby. Cioè seguendo una passione e un’ispirazione che non siano minimamente legate a fattori commerciali.” Una convinzione ribadita qualche mese dopo a Maurizio Costanzo, sempre su Sorrisi e Canzoni. Totò aveva addirittura in mente di organizzare un festival da solo.

LA BOCCIATURA DI PEPPINO DE FILIPPO E GIUSEPPE MAROTTA

Totò non fu l’unico autore illustre ad essere bocciato nelle selezioni del Festival di Napoli 1959. Identica sorte toccò anche a Peppino De Filippo e a Giuseppe Marotta. Andò decisamente meglio a Roberto Murolo, che vinse quell’edizione con Sarrà chi sa. A Marcello Zanfagna, che raggiunse il terzo posto con Vieneme ‘nzuonno, e a Enzo Bonagura, quarto classificato con Cerasella.

Insomma, la commissione giudicatrice fece vittime eccellenti, ma in compenso vide giusto selezionando tre canzoni diventate poi famose. Di Piccerella napulitana, comunque, non si persero le tracce: toccò a Nino Taranto inciderla per farla arrivare fino a noi.

IL TESTO DI PICCERELLA NAPULITANA

Si nata comme a me napulitana
ma ‘mpietto tien’ ‘o core furastiero.
mo c’ ‘o blue-jeans fai l’americana
e t’ he ‘mparata a ddì pure “I love you”.

Piccerè, piccerè,
tu si nata dint’ ‘o vico ‘e Scassacocchio.
Piccerè, piccerè,
nun te credere ca i’ sò nu battilocchio.

I’ te saccio e te strasaccio,
tu si ‘a figlia ‘e Mastu Ciccio.
ca venneva int’ ‘a Arenaccia
pesce fritto e baccalà.

Mo vuò fà Miss Universo,
tu si nata ‘o mese ‘e marzo,
sient’ a me ca è tiempo perzo,
va, vattene addu mammà.

Piccerè, piccerè,
cagne strada, cagne strada,
siente a me.

Vuò fà tremila cose ogne mumento,
c’ ‘ o motoscafo ‘o sci pe ‘ncoppa all’acqua,
‘o sabato po’ vai a fa’ ‘o week-end
e te trattiene fin’ ‘o lunnedi.

(ritornello) Piccerè, piccerè,
tu si nata dint’ ‘o vico ‘e Scassacocchio..

, , , , , ,
Articolo precedente
Le canzoni napoletane di maggio
Articolo successivo
Le canzoni di Sorrento: Torna a Surriento e molte altre

Post correlati

1 Commento. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu