(Pirro e Boangura -Sciorilli) • 1959

Cerasella va collocata nel filone delle canzoni che negli anni Cinquanta innovarono la tradizione musicale partenopea. Si classificò al quarto posto al Festival della Canzone Napoletana del 1959, dove fu interpretata da Gloria Christian e Wilma De Angelis.

Grazie proprio all’elegante interpretazione di Gloria Christian, è da considerarsi un perfetto connubio di garbo e buon gusto.

È stata incisa anche da Fausto Cigliano e Aurelio Fierro. Meritano una menzione speciale la versione in francese di Lucienne Delyle e, soprattutto, quella in finlandese di Pirkko Mannola. Deliziosa anche la versione in inglese di Shani Wallis incisa con il titolo di Something in the air. Addirittura cinque le versioni svedesi, presentate con il titolo I Körsbärstid (Il tempo delle ciliegie).

Tutte testimonianze del buon successo internazionale raggiunto dalla canzone, che in Italia raggiunse anche il sesto posto in hit parade. Nel 1959 ispirò l’omonimo film, precursore dei musicarelli anni ’60, in cui debuttò come attrice Claudia Mori, allora quindicenne. In un primo momento, fu pubblicata indicando come autori lo pseudonimo Dampa ed Eros Sciorilli. Successivamente fu rivelato che il testo era di Ugo Pirro ed Enzo Bonagura.

TESTO DI CERASELLA

Mellune appíse, ‘nzèrte ‘e pummarole,
na pianta ‘e rose tènnera e gentile,
a ‘o viento na cammisa e doje lenzole.
Chist’è ‘o balcone tujo, tu chesta si’.

Cerasella, Cerasè’,
dint’ ‘o tiempo d’ ‘e llimone,
mme rialaste nu schiaffone.

Cerasella, Cerasè’,
mo ch’è ‘o tiempo d’ ‘e ccerase,
tu mme vase.

Si’ limone,
si’ cerasa,
sott’ ‘o sole ca te scarfa
te faje doce.

Si fa friddo,
si’ na mela
e ll’ammore, dint’ ‘o core,
te se gela.

Cerasella, Cerasè’,
vola e dice ‘sta canzone:
“Pe’ ll’asprezza ‘e ‘sta passione,
‘o core mio se fa limone”.

E tienatello ll’agro e damme ‘o ddoce,
ca nun te pòzzo dí quanto mme piace,
si no faccio ‘o cantante a meza voce
e campo juorne amare a suspirá.

Cerasella, Cerasè’,
dint’ ‘o tiempo d’ ‘e llimone,
mme rialaste nu schiaffone.

Cerasella, Cerasè’,
mo ch’è ‘o tiempo d’ ‘e ccerase,
tu mme vase.

Cerasella, Cerasè’,
vola e dice ‘sta canzone:
“Cu nu vaso o nu schiaffone
si’ cerasa e si’ limone”.
Sì cerasa,
si’ limone.
Cerasella, Cerasè’.

Radio Napoli

Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu