Sophia Loren

Sophia Loren cantante da hit parade

Pensi a Sophia Loren e ti vengono in mente due premi Oscar, cinque Golden Globe, nove David di Donatello, tre Nastri d’Argento. Insomma, pensi a riconoscimenti cinematografici e non certo ad un primo posto in Hit Parade con una canzone in napoletano. Eppure, donna Sofia ha spopolato anche nelle classifiche musicali… Con un disco che non fu il frutto di un capriccio da diva ma di un’autentica passione per il canto.

CHE M’È ‘MPARATO A FA’, UN MESE AL PRIMO POSTO

La canzone è Che m’è ‘mparato a fa’, che Sophia Loren portò al primo posto per un mese nel 1957. A comporla un anno prima erano stati Dino Verde, autore dei versi, e Armando Trovajoli, compositore della musica. Confezionato per le capacità vocali della (già) popolarissima attrice, il brano fu eseguito anche da Fausto Cigliano. Indubbio, però, che il successo fu determinato dall’effetto novità legato al debutto come cantante della Loren.

Un debutto che la diva di Pozzuoli inseguiva da tempo cioè da quando, ancora giovanissima, sognava un futuro nella musica. A rivelarlo con precisione di dettagli è Antonio Sciotti, saggista e storico della canzone napoletana, che in suo articolo ricorda come Sophia Loren avesse rifiutato un provino con Eduardo De Filippo. Il motivo? Il grande Eduardo “non le avrebbe dato nessuna possibilità di carriera come cantante”.

LE ALTRE CANZONI NAPOLETANE DI SOPHIA LOREN

Dopo il successo di Che m’è ‘mparato a fa’, Sophia Loren proseguì il suo percorso cinematografico, tralasciando un’eventuale carriera parallela da cantante. Quella musicale rimase una passione che, comunque, fu all’origine di altre incisioni, quasi sempre legate ai film che interpretava, in italiano, inglese e, pure, in greco.

In napoletano si ricordano, invece, le interpretazioni di Ma Dio addò sta e Felicità oltre a quelle di Tu vuo’ fa’ l’americano, Scetate ed Era de maggio.  A proposito di Tu vuo’ fa’ l’americano, Sophia Loren fu determinante nel lanciarlo a livello internazionale. Tutto grazie al film La baia di Napoli: in una scena ambientata in un night, l’attrice interpreta la versione americana canzone  osservata da Clark Gable.  

Sempre all’ambito cinematografico si deve un altro frammento canoro che riconduce all’attrice puteolana. Il film è Questi fantasmi, un adattamento dell’omonima commedia di Eduardo De Filippo, la cui trama fa da ottimo pretesto. Scosso dalle presenze avvertite nella nuova casa, Pasquale (Vittorio Gassman) invita Maria (Sophia Loren) a cantare per rallegrare la situazione. La canzone scelta è ‘O sole mio, l’interpretazione breve ma efficace.

Il 78 giri di Che m’è ‘mparato a fa’

 

Radio Napoli

, , , , , , , , , ,
Articolo precedente
I mandolini che raccontano Scampia senza clichè
Articolo successivo
Il lato fashion della canzone napoletana

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu