Testi e accordi

Testi e accordi: 10 canzoni napoletane da suonare

Testi e accordi di 10 canzoni napoletane famose. In pratica, un assist per tutti quelli che vogliono passare dalla fase dell’ascolto a quella dell’esecuzione. I brani selezionati coprono un arco temporale molto ampio, ma hanno in comune la bellezza delle linee melodiche. E non bisogna avere grandi abilità tecniche per suonarli

TESTI E ACCORDI: 10 CANZONI NAPOLETANE DA SUONARE

Quelle che trovate di seguito sono spartiti con trascrizioni facilitate per pianoforte. Dalla loro lettura, però, è facile ricavare gli equivalenti accordi per chitarra.
Vi proponiamo testi e accordi di Te voglio bene assaje,

TESTI E ACCORDI: FENESTA CHE LUCIVE! (ANONIMO)

Fenesta che lucive!, o anche Fenesta ca lucive, viene spesso attribuita a Vincenzo Bellini: il motivo è la somiglianza con l’aria finale de La sonnambula. In realtà, le sue origini risalgono ad un canto siciliano di fine Cinquecento e, in particolare, alla vicenda della baronessa di Carini. La rielaborazione che più si è diffusa è quella realizzata da Mariano Paolella del 1854.

Fenesta ca lucive e mo nun luce,
sign’è ca nénna mia stace malata.
S’affaccia la surella e mme lu dice:
“Nennélla toja è morta e s’è atterrata”.

Chiagneva sempe ca durmeva sola,
mo dorme co’ li muorte accompagnata.

Va’ dint’ ‘a cchiesa, e scuopre lu tavuto,
vide nennélla toja comm’è tornata.
Da chella vocca ca n’ascéano sciure,
mo n’esceno li vierme. Oh, che piatate.

Zi’ parrocchiano mio, ábbece cura,
na lampa sempe tienece allummata.

Addio fenesta, rèstate ‘nzerrata
ca nénna mia mo nun se pò affacciare.
Io cchiù nun passarraggio pe’ ‘sta strata.
Vaco a lo camposanto a passíare.

‘Nzino a lo juorno ca la morte ‘ngrata,
mme face nénna mia ire a trovare.

Spartito Fenesta che lucive

Spartito di Fenesta che lucive!

TESTI E ACCORDI: TE VOGLIO BENE ASSAJE (RAFFAELE SACCO)

Te voglio bene assaje è un brano presente in tutte le raccolte di testi e accordi di canzoni napoletane. D’altronde, non potrebbe essere diversamente visto che è un successo dal 1839.

‘Nzomma songh’io lo fauzo?
Appila, sì majesta,
ca ll’arta toja è chesta!
Lo dico ‘mmeretà:
io jastemmà vorria
lo juorno che t’amaje!

Io te voglio bbene assaje
e tu nun pienze a me.

Pecché quanno me vide
te ‘ngrife comm’a gatto?
Nennè, che t’aggio fatto
ca no mme può vedè?
Io t’aggio amato tanto,
si t’amo tu lo saje.

Io te voglio bbene assaje
e tu nun pienze a me.

La notte tutte dormeno,
ma io che bbuò durmì!
Penzanno â nenna mia,
mme sento ascevolì.
Li quarte d’ora sonano
a uno, a ddoje, a tre.

Io te voglio bbene assaje
e tu nun pienze a me.

Recordate lo juorno
ca stive a me becino
E te scorreano ‘nzino
le llacreme accossì!
Deciste a me: “Nun chiagnere,
ca tu lo mio sarraje!”

Io te voglio bbene assaje
e tu nun pienze a me.

Guardame ‘nfaccia e vide
comme song’arredutto:
sicco, peliento e brutto,
nennella mia, pe’ tte!
Cusuto a filo duppio
co tte me vedarraje.

Io te voglio bbene assaje
e tu nun pienze a me.

Saccio ca nun vuò scennere
la grada quanno è scuro.
Vattenne muro muro,
appojate ‘ncuoll’a me!
Tu, ‘n’ommo comm’a chisto,
addò lo trovarraje?

Io te voglio bbene assaie
e tu nun pienze a me.

Quanno sò fatto cennere,
tanno me chiagnarraje.
Sempe addimannarraje:
“Nennillo mio addò è?”
La fossa mia tu arape
e llà me trovarraje.

Io te voglio bbene assaie
e tu nun pienze a me.

Spartito di Te voglio bene assaje

Spartito di Te voglio bene assaje.

TESTI E ACCORDI: MARECHIARE (F.P. TOSTI – S. DI GIACOMO)

Una delle canzoni di Salvatore di Giacomo che hanno fatto il giro del mondo. La scrisse nel 1885, avendo nella mente l’oste Carolina lenta nel servire…

Quanno sponta la luna a Marechiare
pure li pisce nce fanno a ll’ammore.
se revoteno ll’onne de lu mare,
per la priezza cagneno culore,
quanno sponta la luna a Marechiare.

A Marechiare ce sta na fenesta,
la passione mia ce tuzzelea.
nu carofano addora ‘nt’a na testa,
passa ll’acqua pe sotto e murmulea…
A Marechiare ce sta na fenesta.

Chi dice ca li stelle so’ lucente
non sape st’uocchie ca tu tiene nfronte.
sti ddoie stelle li ssaccio io sulamente:
dint’a lu core ne tengo li ppònte…
Chi dice ca li stelle so’ lucente?

Scétete, Carulì, ca ll’aria è doce,
quanno maie tanto tiempo aggio aspettato?
P’accumpagnà li suone cu la voce,
stasera na chitarra aggio purtata…
Scétete, Carulì, ca ll’aria è doce!…

Spartito di Marechiare

Spartito di Marechiare

TESTI E ACCORDI: ‘O MARENARIELLO (G.OTTAVIANO – S.GAMBARDELLA)

È la prima canzone di Salvatore Gambardella, divenuta subito un successo grazie all’intuizione dell’editore Ferdinando Bideri. La curiosa storia della sua genesi è raccontata qui.

Oje né’, fa’ priesto, viene,
nun mme fà spantecà,
ca pure ‘a rezza vène
ch’a mare stó’ a menà.

Méh, stienne sti bbraccelle,
ajutame a tirà,
ca stu marenariello
te vò’ sempe abbraccià.

Vicin”o mare,
facimmo ‘ammore,
a core a core,
pe’ nce spassà.

Só’ marenaro
e tiro ‘a rezza,
ma, p’ ‘allerezza,
stóngo a murì.

Vide ca sbatte ll’onna
comm’a stu core ccà,
de lacreme te ‘nfonne
ca ‘o faje annammurà.

Viene, ‘nterr’a ‘sta rena
nce avimm’ ‘a recrijà,
che scenne la serena,
io po’ stóngo a cantà.

Vicin”o mare,
facimmo ‘ammore,
a core a core,
pe’ nce spassà.

Só’ marenaro
e tiro ‘a rezza,
ma, p’ ‘allerezza,
stóngo a murì.

Oje né’, io tiro ‘a rezza
e tu statte a guardà
li pisce, p’ ‘a prijezza,
comme stanno a zumpà.

E vide, pure ‘e stelle
tu faje annammurà,
ca stu marenariello
tu faje suspirà.

Vicin”o mare,
facimmo ‘ammore,
a core a core,
pe’ nce spassà.

Só’ marenaro
e tiro ‘a rezza,
ma, p’ ‘allerezza,
stóngo a murì.

Spartito di 'O marenariello

Spartito di ‘O marenariello

TESTI E ACCORDI: TORNA A SURRIENTO (E. DE CURTIS – G.B. DE CURTIS)

Anche Torna a Surriento si porta dietro una storia curiosa, che abbiamo raccontato qui. Anche Torna a Surriento non manca mai nelle raccolte di testi e accordi. E non solo di canzoni napoletane.

Vide ‘o mare quant’è bello,
spira tanta sentimento.
Comme tu, a chi tiene mente,
ca, scetato, ‘o faje sunnà.

Guarda, guà’, chisti ciardine,
siente, sié’, sti sciure ‘arancio,
nu prufumo accussì fino
dint’ ‘o core se ne va.

E tu dice: “Io parto, addio”.
T’alluntane da stu core.
Da la terra de ll’ammore,
tiene ‘o core ‘e nun turnà?

Ma nun mme lassà,
nun darme stu turmiento.
Torna a Surriento,
famme campà.

Vide ‘o mare de Surriento,
che tesore tene ‘nfunno.
Chi ha girato tutt’ ‘o munno,
nun ll’ha visto comm’a ccà.

Guarda, attuorno, sti Ssirene
ca te guardano ‘ncantate
e te vònno tantu bene,
te vulessero vasà.

E tu dice: “Io parto, addio”.
T’alluntane da stu core.
Da la terra de ll’ammore,
tiene ‘o core ‘e nun turnà?

Ma nun mme lassà,
nun darme stu turmiento.
Torna a Surriento,
famme campà.

Spartito di Torna a Surriento

Spartito di Torna a Surriento

TESTI E ACCORDI: COMME FACETTE MAMMETA (G.CAPALDO – S. GAMBARDELLA)

Comme facette mammeta è sicuramente la più colorata delle canzoni d’amore napoletane. Non fosse altro per l’elenco di ingredienti, fiori e frutti su cui si regge. Un elenco che è un riuscito caleidoscopio cromatico.

Quanno mammeta t’ha fatta,
quanno mammeta t’ha fatta.
Vuó’ sapé comme facette?
Vuó’ sapé comme facette?

Pe’ ‘mpastá sti ccarne belle,
pe’ ‘mpastá sti ccarne belle.
Tutto chello ca mettette?
Tutto chello ca mettette?

Ciento rose ‘ncappucciate,
dint’ ‘a mártula mmescate.
Latte, rose, rose e latte,
te facette ‘ncopp’ ‘o fatto.

Nun c’è bisogno ‘a zingara
p’andiviná, Cuncè’.
Comme t’ha fatto mammeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te.

E pe’ fá ‘sta vocca bella,
e pe’ fá ‘sta vocca bella.
Nun servette ‘a stessa dose,
nun servette ‘a stessa dose.

Vuó’ sapé che nce mettette?
Vuó’ sapé che nce mettette?
Mo te dico tuttecosa,
mo te dico tuttecosa.

Nu panaro chino, chino,
tutt’ ‘e fravule ‘e ciardino.
Mèle, zuccaro e cannella,
te ‘mpastaje ‘sta vocca bella.

Nun c’è bisogno ‘a zingara
p’andiviná, Cuncè’.
Comme t’ha fatto mammeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te.

E pe’ fá sti ttrezze d’oro,
e pe’ fá sti ttrezze d’oro.
Mamma toja s’appezzentette,
mamma toja s’appezzentette.

Bella mia, tu qua’ muneta?
Bella mia, tu qua’ muneta?
Vuó’ sapé che nce servette?
Vuó’ sapé che nce servette?

Na miniera sana sana,
tutta fatta a filagrana,
nce vulette pe’ sti ttrezze,
che, a vasá, nun ce sta prezzo.

Nun c’è bisogno ‘a zingara,
p’andiviná, Cuncè’.
Comme t’ha fatto mammeta,
‘o ssaccio meglio ‘e te.

Spaitito di Comme facette mammeta

Spartito di Comme facette mammeta

TESTI E ACCORDI: I’ M’ARRICORDO ‘E TE (E. DE CURTIS – G.B. DE CURTIS)

I’ m’arricordo ‘e te è nota anche come Lucia Lucì: questo, infatti, è il nome della protagonista della struggente storia d’amore cantata. I fratelli De Curtis la fecero diventare un capolavoro nel 1911

I’ mm’arricordo ‘e te,
quanno stó’ vicino ô mare.
Quanno ll’onna, chianu chiano,
vasa ‘a rena e po’ scumpare.
E po’ torna a s’ ‘a vasá.

I’ mm’arricordo ‘e te,
Lucia, Lucí’.
A quínnece anne mme diciste “Sí”.

I’ mm’arricordo ‘e te,
quanno ‘o sole è penetrante
e se ‘mmira ‘ncopp’a ll’acqua.
Chelli luce ‘e diamante,
fanno male d’ ‘e gguardá.

I’ mm’arricordo ‘e te,
Lucia, Lucí’.
A sídece anne mme diciste “Sí”.

I’ mm’arricordo ‘e te,
quann’è doppo ch’ha chiuvuto
e mme trovo p’ ‘a campagna.
Sento ‘addore d’ ‘a salute,
sento ‘a vita, ‘a giuventù.

I’ mm’arricordo ‘e te,
Lucia, Lucí’.
E mo pecché nun dice ancora “Sí”?

Spartito di I m'arricordo 'e te

Spartito di I m’arricordo ‘e te

TESTI E ACCORDI: NINÌ TIRABUSCIÒ (A. CALIFANO – S. GAMBARDELLA)

A proposito di testi e accordi, Ninì Tirabusciò è un’altro brano abitualmente presente nelle raccolte di spartiti di canzoni napoletane. Si tratta, infatti, di una canzone iconica, che viene normalmente associata alla Belle Epoque napoletana e alla figura della sciantosa.

Chillu turzo ‘e mio marito
nun se pò cchiù suppurtà.
Ll’aggi’ ‘a cósere ‘o vestito.
Mm’aggi’ ‘a mettere a cantà.

Tutto è pronto. Stó’ aspettanno
na scrittura p’ ‘a firmà.
Nun appena che mm’ ‘a danno,
vaco fore a debuttà.

Ho scelto un nome eccentrico:
“Ninì Tirabusciò”.
Oh, oh, oh.
Oh, oh, oh.
Addio mia bella Napoli,
mai più ti rivedrò.
Oh, oh, oh.
Perderai Tirabusciò.

Ne cunosco tante e tante
ca nun só’ cchiù meglio ‘e me
e cu ‘e llire e cu ‘e brillante
só’ turnate da ‘e tturné.

‘A furtuna, s’è capito,
‘ncopp’ ‘e ttavule se fa.
Ca fatiche e ghiétt’ ‘acito,
che risorse puó’ sperà?

Aìz’ ‘a vesta, smuóvete.
E’ ll’epoca ch’ ‘o vvò’.
Oh, oh, oh.
Oh, oh, oh.
Addio mia bella Napoli,
mai più ti rivedrò.
Oh, oh, oh,
perderai Tirabusciò.

Pe’ cantà nun serve ‘a voce,
è ‘o partito ca nce vò’.
Po’ ‘e ccanzone miette ‘ncroce
ca faje “bisse” quante vuó’.

Dai il tuo cuore ‘ncopp’ ‘a piazza
ai più ricchi abitué.
Vide po’ si ‘un fanno ‘a mazza
ll’ate artiste ‘nnanze a te.

E’ chesta ‘a vera tattica
‘e na sciantosa1 ‘e mo.
Oh, oh, oh.
Oh, oh, oh.
Addio mia bella Napoli,
mai più ti rivedró.
Oh, oh, oh.
Perderai Tirabusciò.

Spartito di Ninì Tirabusciò

Spartito di Ninì Tirabusciò

TESTI E ACCORDI: NAPULE CA SE NE VA (E. TAGLIAFERRI – E. MUROLO)

Uno dei capolavori scritti dalla premiata ditta Murolo-Tagliaferri. Il tono nostalgico del testo si riscatta in un andamento musicale tutt’altro che triste. Testi e accordi di Napule ca se ne va rendono bene l’idea

E só’ sbarcate ‘nterra Marechiaro
tre cumitive ‘e vascio â Sanità.
Só’ doje coppie ‘e ‘nnammurate,
doje maeste ‘ngannaccate
cu ‘e marite e nu cumpare
viecchio “capo ‘e suggità”.

E che tavula speciale,
‘nterra ‘o cato cu ‘a frutta e ‘o vino,
nu mellone dint’ ‘a cantina,
‘o cumpare dint’ ‘a cucina
ca discute cu ‘a principale.

E ‘a Luna guarda e dice:
“Si fosse ancora overo.
Chisto è ‘o popolo ‘e na vota,
gente semplice e felice.
Chist’è Napule sincero,
ca pur’isso se ne va”.

Divotamente mo se fanno ‘a croce,
comm’è ll’usanza, primma ‘e accummincià.
‘O cumpare ch’è ‘struito,
fa nu brínnese “in pulito”.
Lle risponne, a una voce,
tutt’ ‘a tavula: “Addó’ va”.

‘A sié Rosa ca se cunzòla
pe’ sti suone ca só’ venute,
pe’ ‘sta voce ch’è fina e bella,
p’ ‘a canzone ch’è Palummella,
Palummella ca zómpa e vola.

E ‘a Luna guarda e dice:
“Si fosse ancora overo.
Chisto è ‘o popolo ‘e na vota,
gente semplice e felice.
Chist’è Napule sincero,
ca pur’isso se ne va”.

‘E ttre famiglie tornano vucanno,
nu poco fatte a vino tutt’e tre.
‘A varchetta ‘e ccunnuléa,
na maesta scapuzzéa.
‘O cumpare parla ‘e quanno,
quanno ‘o guappo era nu rre.

‘E ffigliole, pe’ sottaviento,
mo se fanno na zuppetella
cu ‘e taralle ‘int’a ll’acqua ‘e mare.
Ll’acqua smòppeta, fragne e pare
ca ‘e mmanelle só’ tutte ‘argiento.

E ‘a Luna guarda e dice:
“Si fosse ancora overo.
Chisto è ‘o popolo ‘e na vota,
gente semplice e felice.
Chist’è Napule sincero,
ca pur’isso se ne va”.

Spartito di Napule ca se ne va

 

TESTI E ACCORDI: PISCATORE ‘E PUSILLECO (E. TAGLIAFERRI – E. MUROLO)

Secondo alcuni critici, questa canzone è la trascrizione in musica di un quadro della cosiddetta Scuola di Posillipo. Il mare di notte e il pescatore canta, infatti, lo confermano. Anche, qui, testi e accordi esemplificano il discorso.

Piscatore ‘e stu mare ‘e Pusilleco
ch’ogne notte mme siente ‘e cantà.
Piscató’, sti pparole só’ lacreme
pe’ Maria ca luntana mme sta.

Dorme ‘o mare, voca, voca.
Tutt’è pace attuorno a me.

Ma pecché,
ma pecché mm’hê lassato,
mentr’io moro, stanotte, pe’tté?

Casarella d’ ‘o Capo ‘e Pusilleco,
spónta ‘a luna e te vène a vasà.
Quanta notte aggio perzo guardànnote,
quanta juorne aggio visto schiarà.

Dorme ‘o mare, voca, voca.
Tutt’è pace attuorno a me.

Ma pecché,
ma pecché mm’hê lassato,
mentr’io moro, stanotte, pe’tté?

Zitto oje core, ca ‘nterra Pusilleco,
veco n’ombra ca segno mme fa.
Na manélla e na voce mme chiàmmano.
Fra sti bbracce Maria vò’ turnà.

Dorme ‘o mare, oje bella viene.
‘Ncielo ‘a luna saglie e va.

Vita mia,
vita mia mme vuó’ bene?
Ca si è suonno nun farme scetà.

Dorme ‘o mare, voca, vo’.

Spartito di Piscatore 'e Pusilleco

Spartito di Piscatore ‘e Pusilleco

, , , , , , ,
Articolo precedente
Canzoni napoletane antiche da riscoprire: Cannetella e le altre
Articolo successivo
Fiorella Mannoia in viaggio verso Napoli canta Creature

Post correlati

Nessun risultato trovato.

6 Commenti. Nuovo commento

  • Sono molto contento di queste canzoni alcune sono nel mio c.d che vi o mandato ma purtroppo mai sentito nemmeno una canzone mi farebbe piacere sentire una volta qualcosa di me io ascolto sempre. Grazie saluti Enzotorsi

    Rispondi
  • siete GRANDI

    Rispondi
  • Grazie per le canzoni bellissimi !!!!!…….

    Rispondi
  • Per favore , completa tuo sito con una grande canzone E . de Curtis – E . Murolo Addio a Napule , 1920 a .
    ( Cantamo ‘nmusiente ll’adema canzona , La ta cchiu amata prime ”e ce lassa … )

    Rispondi
  • Salve, potreste aggiungere gli accordi del bellissimo pezzo napoletano “Zingarella”? Spero tanto sia possibile. Grazie

    Rispondi
  • Aldo Carino
    5 Agosto 2020 11:11

    Sono in cerca dello spartito “E stelle .
    ‘e Napule” Se è possibile inviarlo all’indirizzo Email. Grazie

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu