(Anonimo) • XIX sec

Fenesta ca lucive è avvolta da un alone di mistero. Una sua prima versione apparve a Napoli nel 1854 su un foglio volante nella trascrizione di Mariano Paolella. La storia narrata, però, sembra ispirate alle tragiche vicende della baronessa siciliana di Carini accadute a metà ‘500.

Fenesta ca lucive è una romanza con una melodia dal chiaro sapore ottocentesco. La versione giunta fino ai giorni nostri è quella frutto di una trascrizione di Achille Longo. Secondo Salvatore di Giacomo questa versione presenta analogie con arie d’opere di Bellini e Rossini.

Fenesta ca lucive è entrata nel repertorio di molti cantanti lirici. Di grande intensità emotiva la versione interpretata da Giuni Russo con la partecipazione di Paolo Fresu.

TESTO DI FENESTA CA LUCIVE

Fenesta ca lucive e mo nun luce,
sign’è ca nénna mia stace malata.
S’affaccia la surella e mme lu dice:
“Nennélla toja è morta e s’è atterrata”.

Chiagneva sempe ca durmeva sola,
mo dorme co’ li muorte accompagnata.

Va’ dint’ ‘a cchiesa, e scuopre lu tavuto,
vide nennélla toja comm’è tornata.
Da chella vocca ca n’ascéano sciure,
mo n’esceno li vierme. Oh, che piatate.

Zi’ parrocchiano mio, ábbece cura,
na lampa sempe tienece allummata.

Addio fenesta, rèstate ‘nzerrata
ca nénna mia mo nun se pò affacciare.
Io cchiù nun passarraggio pe’ ‘sta strata.
Vaco a lo camposanto a passíare.

‘Nzino a lo juorno ca la morte ‘ngrata,
mme face nénna mia ire a trovare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu