SERENA AUTIERI

Serena Autieri pronta ad aprire il teatro della canzone napoletana

Che Serena Autieri amasse le canzoni napoletane era cosa nota, che questo suo amore potesse diventare un investimento imprenditoriale è, invece, notizia recente. Intervistata il 23 aprile da La Repubblica, l’artista partenopea ha, infatti, rivelato di stare lavorando ad un progetto ambizioso. Quale? Fondare un “Teatro stabile della musica e della canzone napoletana”, un’idea di tanti riuscita a nessuno.

L’obiettivo di Serena Autieri è di aprire uno spazio dove rappresentare, in maniera continuativa, uno spettacolo per turisti italiani e stranieri. Un show centrato sulle canzoni napoletane, ovviamente, in cui coinvolgere attori e interpreti di spessore. In parole povere, Serena Autieri ha in mente di realizzare a Napoli ciò che, da sempre, si fa a Lisbona per il fado o in Andalusia per il flamenco.

IL TALENTO DI SERENA AUTIERI E LA COLLABORAZIONE DI ENRICO GRISELLI

Due gli indizi che lasciano presupporre che il progetto sia in una fase abbastanza avanzata. Il primo porta il nome di Enrico Griselli, il marito/imprenditore di Serena Autieri specializzato in produzioni teatrali di successo. Il secondo indizio porta, invece, quello di Sal da Vinci, già attivo nello scouting degli artisti da arruolare. E poi c’è lei, che, tanto per dirne una, appena tre anni fa ha portato in scena “La sciantosa”, un musical di classici napoletani dedicato alla grande Elvira Donnarumma.

Della location individuata per ospitare questo “Teatro stabile della musica e della canzone napoletana” non si sa ancora niente. È lecito immaginare un posto in una zona centrale, ma è difficile che la scelta possa ricadere sul Salone Margherita. Certo, sarebbe l’ubicazione ideale per la sua storia e la sua bellezza, ma, per vicende burocratiche, al momento è indisponibile.

In attesa di conoscere gli sviluppi di quest’interessante progetto, non ci resta che augurare a Serena Autieri di riuscire nell’impresa. Talento, passione e capacità imprenditoriali non le mancano. Per il resto, i presupposti ci sono tutti: i turisti aumentano sempre di più, gli artisti napoletani non scarseggiano.
E le canzoni di Salvatore di Giacomo & co. continuano a godere di ottima salute.

Qui l’articolo di Repubblica con l’intervista a Serena Autieri bit.ly/2oBNtEd

, , , ,
Articolo precedente
Cirque du Soleil, A.A.A. cantanti napoletani cercansi
Articolo successivo
Fred Buscaglione, swing napoletano

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu