Lacreme napulitane

Le Lacreme napulitane di Christian De Sica

È un’elegante interpretazione di Lacreme napulitane il nuovo tassello dell’intenso rapporto che lega Christian De Sica a Napoli. Il popolare attore ha deciso, infatti, di inserire il capolavoro di Libero Bovio nel suo nuovo album. Come lascia intuire il titolo “Merry Christian”, il disco contiene undici evergreen natalizi, da Jingle bells a White Christmas. Passando, appunto, per Lacreme napulitane che, seppure in chiave drammatica, è considerata una canzone di Natale. Tanti i riferimenti natalizi presenti nel testo, tutti venati dalla malinconia di un emigrante che non può festeggiarlo a casa.

IL PRIMO CLASSICO INCISO DA DE SICA JR.

L’interpretazione di Lacreme napulitane non è la prima incursione di De Sica junior nel canzoniere napoletano. Gli ascoltatori di radio Napoli lo avranno sentito cantare Malatia, successo di Peppino di Capri di inizio anni ’60. I più attenti lo avranno apprezzato anche in Perzechè, brano del ’82 che fu sigla di un programma tv. Qualcun altro in Speranzella, lato b di quel 45 giri, ma alle prese con una canzone classica napoletana non ancora. Almeno in forma discografica. Ora questa lacuna è stata colmata con Lacreme napulitane, in una versione che merita più di un ascolto. Per come è cantata e perché è la riprova dell’amore che, da sempre, i De Sica nutrono per Napoli.

LA STORIA DI LACREME NAPULITANE

Lacreme napulitane è un classico della canzone napoletana con versi di Libero Bovio e musica di Francesco Buongiovanni. Il racconto è incentrato sulla lettera che un emigrante scrive dall’America alla vecchia madre, rimasta a Napoli con i suoi bambini. Solitudine e nostalgia permeano un testo accompa­gnato da una splendida e commovente melodia in cui si susseguono slanci, sofferenza e note struggenti. Lanciata da Gennaro Pasquariello al Teatro Politeama Giacosa di Napoli, Lacreme napulitane ha fatto il giro del mondo con interpretazioni eseguite secondo una notevole varietà di stili come confermano le versioni di Mario Merola e Roberto Murolo.

IL TESTO DI LACREME NAPULITANE

Mia cara madre,
sta pe’ trasí Natale,
e a stá luntano cchiù mme sape amaro.
Comme vurría allummá duje o tre biangale,
comme vurría sentí nu zampugnaro.

A ‘e ninne mieje facitele ‘o presebbio
e a tavula mettite ‘o piatto mio.
Facite, quann’è ‘a sera d’ ‘a Vigilia,
comme si ‘mmiez’a vuje stesse pur’io.

E nce ne costa lacreme st’America
a nuje Napulitane.
Pe’ nuje ca ce chiagnimmo ‘o cielo ‘e Napule,
comm’è amaro stu ppane.

Mia cara madre,
che só’, che só’ ‘e denare?
Pe’ chi se chiagne ‘a Patria, nun só’ niente.
Mo tengo quacche dollaro, e mme pare
ca nun só’ stato maje tanto pezzente.

Mme sonno tutt’ ‘e nnotte ‘a casa mia
e d’ ‘e ccriature meje ne sento ‘a voce,
ma a vuje ve sonno comm’a na “Maria”
cu ‘e spade ‘mpietto, ‘nnanz’ô figlio ‘ncroce.

E nce ne costa lacreme st’America…

Mm’avite scritto
ch’Assuntulella chiamma
chi ll’ha lassata e sta luntana ancora.
Che v’aggi’ ‘a dí? Si ‘e figlie vònno ‘a mamma,
facítela turná chella “signora”.

Io no, nun torno, mme ne resto fore
e resto a faticá pe’ tuttuquante.
I’, ch’aggio perzo patria, casa e onore,
i’ só’ carne ‘e maciello, só’ emigrante.

E nce ne costa lacreme st’America…

 

, , , , , , ,
Articolo precedente
Totò alla radio: sketch, poesie e parole
Articolo successivo
I top sponsor della canzone napoletana

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu