Fred Bongusto album canzoni napoletane

Fred Bongusto, le canzoni napoletane e i grandi successi mondiali

Fred Bongusto ha interpretato canzoni napoletane classiche ma anche scritto e cantato brani inediti, come Frida e Doce doce. Tuttavia, lo chansonnier abruzzese ha fatto di più: ha arrangiato in napoletano una serie di grandi successi internazionali. L’esatto contrario, quindi, di quanto accaduto a ‘O sole mio, Torna a Surriento o Maria Marì In pratica, ha fatto diventare partenopei brani composti lontano dal Vesuvio. Con un risultato davvero apprezzabile, testimoniato dall’album intitolato Io le canto accussì.

FRED BONGUSTO E LE CANZONI NAPOLETANE… INTERNAZIONALI

Fred Bongusto pubblicò questo originale disco di canzoni napoletane nel 1997. La tracklist dell’album comprendeva un inedito, scritto con Mogol, e tredici cover. Vale a dire, hit mondiali a cui Fred Bongusto adattò nuovi versi, rigorosamente in napoletano. Va sottolineato che i nuovi testi non erano delle semplici traduzioni. Un’operazione che gli era già riuscita nel 1968, quando trasformò la celeberrima Les feuilles mortes in Che sera triste.

A rileggere oggi la scaletta di Io le canto accussì, colpisce il numero di evergreen. Tutti brani, cioè “nuove” canzoni napoletane, che Fred Bongusto adattò al suo stile da crooner o, se preferite, da cantante confidenziale. Da segnalare, tra le altre, September more, diventata Settembre e nuie, e Feeling, diventata Siente. Stesso discorso per La vien en rose, intitolata ‘Na femmena che fa, e O que serà, in napoletano Nun me ne’ ‘mporta niente.

LA SCELTA ARTISTICA DI FRED BONGUSTO

Se la trasposizione di Garota de Ipanema in Guagliona di Ipanema è prevedibile, molto meno lo è quella di You are the sunshine of my life. Fred Bongusto la intitola Tu m’ ‘e lassate miez’ ‘e guaie, raccontando una storia ben diversa rispetto a Stevie Wonder. D’altronde, la sua era una scelta artistica ben precisa, che ebbe modo di chiarire alla stampa.

“Non ho voluto fare delle cover” dichiarò Fred Bongusto in un’intervista al Corriere della Sera. “La parola cover è brutta perché indica semplicemente cantare una vecchia canzone. Io ho voluto, invece, riproporre vecchi brani con nuovi arrangiamenti in napoletano. Le traduzioni non hanno niente a che vedere con i versi originali. Anche perché si tratta di brani di trent’anni fa, oggi quei testi fanno ridere”.

LA TESTIMONIANZA DI RICCARDO BISEO

Fred Bongusto realizzò il disco con abili musicisti jazz. Lino Patruno e il trio composto da Gegè Munari, Vittorio Sonsini e Riccardo Biseo furono gli artefici delle registrazioni.

“Ci scelse dopo averci visto suonare in un club” ricorda proprio Riccardo Biseo. “Registrammo il disco in pochi giorni in uno studio di via Ripetta a Roma.  Eravamo molto affiatati e le registrazioni si rivelarono tutte buone alla prima”.

Canzoni napoletane Fred Bongusto

LE CANZONI NAPOLETANE DI IO LE CANTO ACCUSSÌ

Io le canto accussì è quindi l’album di canzoni napoletane di Fred Bongusto più originale. Il disco fu stampato su etichetta CGD ed è considerata una rarità per collezionisti. Questo l’elenco completo dei brani.

  • Quatte ciucci (The Darktown Strutter’s Ball)
  • Na femmena che fa (La vie en rose)
  • Siente (Feeling)
  • Tu m’e lassate miez’e guaie (You Are the Sunshine of My Life)
  • Mannaggia ‘a polvere (Stardust)
  • Scetate e sosete (Chega de saudade)
  • Nun me ne’ ‘mporta niente (O que será)
  • Por toda minha vida (Eu sei que vou te amar)
  • Guagliona di Ipanema (Garota de Ipanema)
  • Che sera triste (Les feuilles mortes)
  • Settembre e nuie (September Morn)
FRED BONGUSTO – SIENTE (FEELING)

 
Che sera triste (Le foglie morte)
Settembre e nuje (S
, , , ,
Articolo precedente
Piedigrotta, la festa della canzone napoletana
Articolo successivo
Serena Autieri cerca cantanti napoletani per un musical sulle Quattro Giornate

Post correlati

Nessun risultato trovato.

5 Commenti. Nuovo commento

  • Bellissima questa radio perché non citare i nomi degli interpreti? vorrei ascoltare paese mio Marechiaro Marechiaro Maria Canaria Gennarino rigidi di gloria Christian

    Rispondi
  • Gianni Del Prete
    29 Settembre 2017 9:44

    Per me UNICA! Ragazzi ma siete veramente in gamba. Ma chi ha avuto questa idea geniale delle “classiche” napoletane e non quelle becere “neomelodiche”? Ad majora, sempre!

    Rispondi
    • Salve Gianni, grazie per i complimenti. Il progetto Radio Napoli è un’iniziativa del gruppo Kiss Kiss. Continua ad ascoltarci e a presto

      Rispondi
  • Ciriaco Antonio Addonizio
    27 Dicembre 2020 22:05

    finalmente una radio di napoli che canta napoli, se poi sono quelle classiche èil non plus ultra,bravi continuate cosi.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu