Francesco De Gregori canta Anema e Core

Francesco De Gregori canta Anema e Core

Un omaggio alla moglie che diventa un omaggio alla canzone napoletana: Francesco De Gregori canta Anema e core. Proprio così. Il più rappresentativo cantautore italiano ha scelto il capolavoro di Tito Manlio e Salve D’Esposito per celebrare l’amore di una vita. È successo lo scorso 13 ottobre al termine di un concerto a Nonantola e il giorno dopo a Venaria Reale. E, probabilmente, capiterà alla fine di tutte le esibizioni del tour che lo vedrà in giro per l’Italia e l’Europa.

FRANCESCO DE GREGORI CANTA ANEMA E CORE, UN DUETTO CON L’AMATA CHICCA

La sorprendente interpretazione ha preso la forma di un duetto con Alessandra Gobbi, la compagna di una vita. Francesco De Gregori l’ha chiamata sul palco al termine dello show presentandola come Chicca, la “sua ragazza”. A quel punto, tra lo stupore del pubblico, ha iniziato a cantare Anema e core alternandosi con la moglie. Una strofa per uno, accompagnati semplicemente da una chitarra e rivelando una discreta padronanza della lingua napoletana.

Curiosa, e romantica, la spiegazione che lo stesso De Gregori ha dato su come sia nata quell’idea. “Di recente per festeggiare un compleanno siamo stati a Napoli in un ristorante” ha spiegato dopo lo show. “Avevo intenzione di chiedere al posteggiatore di cantare Anema e core. Quella sera lui non c’era e allora l’abbiamo fatta noi. È venuta bene e così ho pensato di metterla nel concerto. Io e mia moglie cantiamo spesso assieme, lei suona anche la chitarra. Mi piace il suono delle nostre voci insieme”.

FRANCESCO DE GREGORI E LA CANZONE NAPOLETANA

Non è dato sapere se Francesco De Gregori inciderà Anema e core, di sicuro questa sua scelta ha fatto notizia. E, in un qualche modo, smentisce sé stesso: “Ho troppo rispetto per la lingua napoletana” dichiarò qualche tempo fa. ”Non potrei mai cantarla senza conoscerla a fondo”. Che abbia approfondito la conoscenza? Sembrerebbe proprio di sì.

Leggi qui la storia di Anema e core

, , , ,
Articolo precedente
Noa, la scugnizza di Tel Aviv
Articolo successivo
La canzone napoletana sbarca a teatro!

Post correlati

1 Commento. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu