‘A cura ‘e mammà è uno dei capisaldi del repertorio umoristico napoletano. La canzone vide la luce in occasione della Piedigrotta 1900, partecipando con successo al concorso indetto da La tavola rotonda. Come I’ te vurria vasà, si aggiudicò uno dei premi da 300 lire messi in palio dall’editore Bideri, promotore dell’iniziativa.

‘A cura ‘e mammà porta la firma di Pasquale Cinquegrana, autore del testo, e di Giuseppe De Gregorio, che lo musicò. Il brano è un duetto tanto malizioso quanto ingenuo. I divertenti versi raccontano di Rusinella, una ventenne che di giorno sospira smaniosa e di notte non riesce a dormire. Niente di drammatico, per carità: è un mal d’amore, quello che l’affligge, da curare con “chella cura che fece mammà!”. Cioè con il matrimonio, e le pratiche coniugali annesse…

In termini musicali. ‘A cura ‘e mammà è caratterizzata da un ritmo di tarantella cantabile, che ne accentua lo spirito genuinamente popolaresco, mettendo in risalto le scoperte intenzioni del testo. Nell’elenco di interpreti, che nel tempo ne hanno rinverdito la memoria, compaiono Marietta Tedeschi e Peppino Villani (che la lanciarono), Elvira Donnarumma e Gennaro Pasquariello, Pina Lamara e Mario Pasqualillo, Roberto Murolo. Di recente, Serena Rossi e Massimo Ranieri l’hanno riproposta al grande pubblico televisivo.

A CURA E MAMMA

Lo spartito di ‘A cura ‘e mammà

TESTO DI ‘A CURA ‘E MAMMÀ

 

Rusinella mo tene vint’anne
e smanéa e suspira a tutt’ore.
Ll’hanno ditto ch’è pálpito ‘e core,
‘nu remmèdio opportuno nce vo’.

Nèh, cumpá’, che nce vurría
pe ‘sti smanie ca teng’i’?
Io nun pòzzo cchiù durmí!
Io nun pòzzo cchiù durmí!
Nèh, cumpá’…che nce vo’?

Nce vurría, per farve durmí…
tiritùppete e lariulí…
chella cura che fece mammá…
tiritáppete e lariulá…

Nèh, cumpá’, ma ‘sta cura mme giova?
Che dicite! Ve ‘ngrassa e rinforza.
Cummarè’, vuje ll’avit”a fá a forza,
ca si no piglia sotto ‘o rraù.

E spiegateme cchiù meglio
chesta cura che vò dí.
I’ nun voglio cchiù suffrí.
I’ nun voglio cchiù suffrí.
Nèh, cumpá’, che nce vo’?

Nce vurría, per farve durmí…
tiritùppete e lariulí…
chella cura che fece mammá…
tiritáppete e lariulá…

Nèh, cumpá’, fosse amara ‘sta cura?
Anze, è doce…cchiù doce d’ ‘o mmèle
E va buó’ mo nce ‘o ddico a Papèle.
Ma ‘o segreto ‘o teng’io cummarè’.

E perció, parlate chiaro,
ch’aggi’ ‘a fá, ch’aggi’ ‘a pigliá,
che nce vo’ pe mme calmá?
Nèh, cumpá’…che nce vo’?
Nèh, cumpá’…che nce vo’?

Nce vurría, per farve durmí…
tiritùppete e lariulí…
chella cura che fece mammá…
tiritáppete e lariulá…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu