Phonotype record

Phonotype Record, dai grammofoni a Spotify

La Phonotype Record ha scritto la storia della canzone napoletana e, forse, ne scriverà anche una parte del futuro. Continuerà a vivere, infatti, la storica sala di registrazione a due passi da Mezzocannone. Questo almeno è l’obiettivo del nutrito gruppo di operatori musicali a cui i fratelli Esposito hanno ceduto il testimone.

Laddove nacque l’industria discografica napoletana prenderà vita l’Auditorium Novecento Napoli, progetto della Museum Records (locataria degli spazi dal novembre 2017). Un’iniziativa che trasformerà i locali di via De Marinis in una moderna factory musicale aperta a tutti i generi. Si continueranno a produrre canzoni, ma si faranno anche concerti e si realizzeranno videoclip. Insomma, si farà musica a tutto tondo, un pò come ha fatto nel corso del tempo la Phonotype Record. Che non è stata una semplice sala di incisione.

LA DITTA FRATELLI ESPOSITO DI RAFFAELE

La storia della Phonotype Record inizia all’alba del ‘900 con Raffaele Esposito, produttore di selle e amante della lirica. La sua passione per la musica lo portò ad essere uno dei primi napoletani a possedere un grammofono. E, dopo poco, ad essere anche uno dei primi a venderli. Nel 1907 gestiva un negozio principale in calata S. Anna dei Lombardi e una succursale a via Roma. Da rivenditore di “macchine parlanti” a produttore discografico il passo fu breve: la ditta si sviluppò e prese il nome di Fratelli Esposito di Raffaele.

La studiosa Anita Pesce ritiene che, in questa evoluzione imprenditoriale, furono determinanti i rapporti intrattenuti con la Beka. La Beka era una etichetta discografica fondata a Berlino nel 1904 e presente a Napoli e Milano già nel 1905. La sua presenza in Italia era finalizzata alla realizzazione di incisioni di brani del repertorio operistico e leggero. Raffaele Esposito avrebbe iniziato a stampare dischi utilizzando matrici prodotte proprio dalla Beka. Questo lascia pensare una coincidenza di titoli e codici riscontrata sui dischi stampati dalle due aziende.

LA NASCITA DELLA PHONOTYPE RECORD

Il primo marchio utilizzato da Raffaele Esposito fu Società Fonografica Napoletana. I primi contratti con interpreti napoletani, tra cui Gennaro Pasquariello, risalgono al 1909. Allo stesso anno risale anche l’ingaggio del direttore d’orchestra Barna Felsmann. A quel punto a filiera musicale era completa: le canzoni venivano registrate dal vivo e stampate su 78 giri.

Il marchio Società Fonografica Napoletana divenne Phonotype Record nel giro di poco tempo, sicuramente dal 1911. La Phonotype Record si impose rapidamente sul mercato nazionale e nel 1924 sbarcò addirittura negli U.S.A acquisendo la Klarophone Record. Il suo catalogo era incentrato sulle canzoni napoletane e il suo ruolo fu centrale per la loro affermazione. Insomma, quella della Phonotype Record è una storia di dischi che sono arrivati fino ai giorni nostri attraversando secoli e continenti. Una storia che merita di proseguire.

L’organigramma della nuova compagine imprenditoriale include Fabrizio Piccolo, Daniele Chessa, Paolo Nappi, Francesco Virgilio Sabatini, Paolo De Rosa, Gianni Ruggiero. È stata lanciata una campagna di fundraising a sostegno del loro progetto Auditorium Novecento Napoli. Clicca qui per saperne di più.

Radio Napoli

, , , , , ,
Articolo precedente
La canzone classica napoletana entra al Conservatorio
Articolo successivo
Tango napoletano? Carlos Gardel lo inventò nel 1931

Post correlati

Nessun risultato trovato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu