(E.A. Mario) • 1913

Maggio si’ tu! nasce dallo stretto rapporto tra E.A. Mario e l’editore Ferdinando Bideri. Nulla di particolare se non fosse che in quel periodo i principali autori erano sotto contratto con la tedesca Polyphon. Maggio si’ tu! rappresenta, in pratica, una delle poche eccezioni alla prassi editoriale di quegli anni.

Maggio si’ tu! è una composizione dal carattere nostalgico in cui l’alternarsi delle stagioni evoca la ciclicità delle fasi amorose .

Fu lanciata da Elvira Donnarumma e vanta grandi interpreti, fra cui Roberto Murolo e Sergio Bruni nonché Franco Ricci; ugualmente apprezzabili le versione di Angela Luce e Giulietta Sacco.

TESTO DI MAGGIO SI’ TU!

Maggio, si’ tu
ca st’aria doce vaje prufumanno.
Quanta canzone faje cantá a doje voce,
quanta suspire io manno.

Mme faje murmuliá
tutt’ ‘e ccanzone amate
pecché tu viene e dice:
“‘E ‘nnammurate
hann’ ‘a cantá”.

Hann’ ‘a cantá,
ca pure Ammore
passa e nun more.
E chi ha vuluto bene,
se sente, dint’ ‘e vvéne,
cchiù ardente ‘a giuventù.
Maggio, si’ tu.

Maggio, si’ tu
ca mme truvaste cu ‘o core ‘e gelo.
Ma quanta rose attuorno mme purtaste,
e quanta stelle ‘ncielo.

Turnaje a suspirá
pe’ chi fuje tanta ‘ngrata.
“Ah” lle dicette “t’aggio
sempe amata
e pure mo”.

E pure mo,
tutt’è turnato
comm’è passato.
Sento ch’ ‘a voglio bene.
Tu ffuoco dint’ ‘e vvéne,
è fuoco ‘e giuventù.
Maggio, si’ tu.

Maggio, e pe’ te
mme stó’ facenno cchiù mateniero.
Rose e viole a ll’alba stó’ cuglienno
comm’a nu ciardeniere.

Tu mme faje suspirá
‘mmiez’ê ciardine ‘nfiore.
“Si tuttecosa torna,
pure Ammore ha da turná”.

Ha da turná.
Ll’aggiu chiammato,
ll’aggio aspettato.
E mo ch’ ‘a voglio bene,
mme sento, dint’ ‘e vvéne,
cchiù ardente ‘a giuventù.
Maggio, si’ tu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu