Frida conferma come Fred Bongusto abbia sempre trovato nella canzone napoletana un’importante opportunità espressiva. Questa è l’unico dei brani napoletani da lui interpretati di cui è anche autore. Risale al 1963, periodo in cui Bongusto consolidò il suo stile di cantante confidenziale. La canzone ha un’ambientazione suggestiva, perfetta per raccontare di donne senza molti scrupoli che lasciano i loro pretendenti a struggersi. Tra le altre incisioni, da segnalare quella live presente nel cd Due ragazzi così, realizzato con Peppino di Capri

TESTO DI FRIDA

Frida,
t’aggio vuluto bene,
ma doppo tantu bbene,
te si’ scurdata ‘e me.
Frida,
bastava na parola,
detta ‘a ‘sta vocca toja,
pe’ mme fá cunzulá.

Chiagnarraje accussí lacreme amare,
pagarraje accussí ‘o mmale ca mme faje,
tutt’ ‘e ppene ca mme daje,
tutt’ ‘e ppene ca mme daje.

Frida,
t’aggio vuluto bene,
ma doppo tantu bbene
te si’ scurdata ‘e me.
Te si’ scurdata ‘e me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu