(Bovio-Nardella) • 1923

Chiove è un caposaldo delle canzoni napoletane struggenti. La leggenda vuole che Libero Bovio la compose ispirandosi alla grande Elvira Donnarumma. Il riferimento sarebbe al desiderio, espresso dalla cantante poco prima di morire, di imparare le nuove canzoni della Piedigrotta. Sarebbe nata così Chiove e la sua storia della fanciulla che spira con la voglia di cantare mentre cade una pioggia insistente. La realtà storica è, però, un’altra: la canzone fu scritta dieci anni prima della scomparsa di Elvira Donnarumma.

La critica ha assimilato Chiove ad un lied da camera in virtù dei suoi versi eleganti e della melodia perfettamente aderente alla drammaticità del testo.

Il primo ad eseguirla fu Salvatore Papaccio che la propose al Teatro San Carlo di Napoli con l’accompagnamento al pianoforte di Evemero Nardella, l’autore della musica. Nell’occasione, un critico la definì “leopardiana”.

Fra i molti interpreti: Roberto Murolo, Mima Doris, Sergio Bruni, Miranda Martino e Milva.

TESTO DI CHIOVE

Tu staje malata e cante,
tu staje murenno e cante.
So’ nove juorne, nove,
ca chiove, chiove, chiove.

E se fa fredda ll’aria,
e se fa cupo ‘o cielo,
e tu, dint’a stu ggelo,
tu sola, cante e muore.

Chi si’? Tu si’ ‘a canaria.
Chi si’? Tu si’ ll’ammore.
Tu si’ ll’ammore
ca pure quanno more,
canta canzone nove.

Giesù, ma comme chiove.

Tu, comm’a na Madonna,
cante na ninna-nonna
pe’ ‘n’angiulillo ‘ncroce,
ca vò’ sentí ‘sta voce,

‘sta voce sulitaria ca,
dint’ ‘a notte, canta.
E tu, comm’a na Santa,
tu sola sola, muore.

Chi si’? Tu si’ ‘a canaria.
Chi si’? Tu si’ ll’ammore.
Tu si’ ll’ammore,
ca, pure quanno more,
canta canzone nove.

Giesù, ma comme chiove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu