(Bovio –Tagliaferri/Valente) • 1934

Sostenuta da una melodia che accompagna stupendamente i versi, la can­zone racchiude tutte le caratteristiche del napoletano che canta l’amore: accoramento, invo­cazione, speranza, delirio.

Altissimo momento di fre­nesia lirica, il grido di passione senza età e senza luo­go diventa un’invettiva al fuoco che divora l’amante, facendosi dolcezza nell’ansia placata del ritornello.

Raro caso di canzone napoletana con due compositori della parte musicale, Passione è divenuta un classico ottenendo riconoscimenti in tutto il mondo per voce di grandi interpreti come Mina.

John Turturro ne ha mutuato il titolo per il suo docufilm sulla canzone napoletana.

TESTO DI PASSIONE

Cchiù luntana mme staje,
cchiù vicina te sento.
Chisà a chistu mumento
tu a che pienze, che faje.

Tu mm’hê miso ‘int’ ‘e vvéne
nu veleno ch’è doce.
Comme pesa ‘sta croce
ca trascino pe’tté.

Te voglio, te penzo, te chiammo,
te veco, te sento, te sonno.

E’ n’anno,
ce pienze ch’è n’anno,
ca st’uocchie nun ponno
cchiù pace truvà?

E cammino, cammino,
ma nun saccio addó’ vaco.
I’ stó’ sempe ‘mbriaco
e nun bevo maje vino.

Aggio fatto nu vuto
â Madonna d’ ‘a neve,
si mme passa ‘sta freve,
oro e perle lle dó’.

Te voglio, te penzo, te chiammo,
te veco, te sento, te sonno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu