(Verde-Trovajoli) • 1956

Che m’è ‘mparato a fa’ è la storia di un sogno realizzato: quello di un’adolescente Sophia Loren decisa a diventare cantante. Fortunatamente per il cinema, le cose andarono in un altro modo e proprio la condizione di attrice già affermata contribuì al successo del brano. Un successo notevole visto che nel 1957 Sophia Loren portò per un mese Che m’è ‘mparato a fa’ al primo posto della Hit parade italiana.

Secondo alcuni, il testo va preso come un esercizio di stile di Dino Verde, un napoletano di talento poco avvezzo a scrivere in dialetto. La musica è considerata, invece, una prova di abilità del grande Armando Trovajoli, bravo nell’elaborare un arrangiamento adatto alle possibilità di Sofia Loren. La canzone fu interpretata anche da Fausto Cigliano, successivamente è stata incisa anche da Bruno Martino, Jula de Palma e da Mina.

TESTO DI CHE M’Ê ‘MPARATO A FA’

‘E stelle d’ ‘a marina, chella sera,
pareva ce vulessero ‘ncantá.
Però, ogne stella ca scenneva a mare
screveva ‘ncielo: “Addio felicitá”.

Tu, che mm’hê ‘mparato a ffá’,
che “Kiss me” vène a dí:
“io te vurria vasá”?

Io, purtánnote cu mmé,
che t’aggio ditto a ffá’:
“so’ ‘nnammurato ‘e te”?

Pecché, vasánnome accussí,
tu mm’hê ‘mparato a dí
sti ccose scanusciute?

Capre, Surriento e ‘sta luna,
se ne só’ ghiute cu te.

Tu, sapenno ‘e nun turná,
che mm’ hê ‘mparato a fá
sti ffrase furastiere?

Ammore, ched è ‘a felicitá
che mm’ê ‘mparato a fá’?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu