(Bovio – Cannio) • 1916

‘A serenata ‘e Pulecenella fu pubblicata nella Piedigrotta Gennarelli 1916, ma le sue origini sono più antiche. Libero Bovio ed Enrico Cannio presero spunto da una bellissima serenata composta da Domenico Cimarosa nella seconda metà del ‘700. Lo conferma uno spartito ritrovato presso la Biblioteca del Conservatorio di Santa Cecilia di Roma.

Se Cimarosa sottolinea gli aspetti tragicomici della maschera napoletana, Bovio risolve la serenata in un delicato canto d’amore. Quello di un guappo che l’innamoramento ha ridotto alla stregua di un Pulcinella.

La versione di Cimarosa è stata ripresa più volte da Peppe Barra, che l’ha interpretata anche con Andrea Branduardi. Fu utilizzata anche da Lindsay Kemp come sfondo musicale per una pantomima inserita nello spettacolo “Flowers” del 1978.
La versione di Bovio e Cannio vanta, dal canto suo, un gran numero di interpreti. Tra gli altri, Roberto Murolo, Milva, Massimo Ranieri e Sergio Bruni. Apprezzabile anche l’interpretazione di Antonella De Grossi.

TESTO DI ‘A SERENATA ‘E PULECENELLA

E stò aspettanno cu ‘stu mandulino
Ll’ora che, ‘a cielo, se ne trase ‘a luna.
Mme sò nascosto dint’a ‘nu ciardino,
Pe’ nun ‘o ffà assapè
Ca sò semp’io ca cerco scusa a te.

Te voglio tantu bbene.
Te voglio tantu bbene.
T’ ‘o ddico zittu, zittu,
Zittu, zitto,
Ca, si allucco, ‘a gente
Ca nun sape niente,
Pò sentì:
“Te voglio bbene”.

Mme metto scuorno ‘e fà sapè a ll’amice
Ca tinco tinco torno e faccio pace.
Si ‘appura ‘a gente, Napule che dice?
Ca mm’ ‘e vvoglio fà fà
Sott’a chist’uocchie cierti ‘nfamità?!

Te voglio tantu bbene.
Te voglio tantu bbene.
T’ ‘o ddico zittu, zittu,
Zittu, zitto,
Ca, si allucco, ‘a gente
Ca nun sape niente,
Pò sentì:
“Te voglio bbene”.

‘Na vota ero ‘o cchiù guappo ‘e ll’Arenella,
Tenevo ‘nnammurate a mille a mille,
E mo mme faje chiammà Pulecenella.
Ma tu ce pienze o no,
Ch’ero ‘nu guappo, guappo overo? E mo…

Te voglio tantu bbene.
Te voglio tantu bbene.
T’ ‘o ddico zittu, zittu,
Zittu, zitto,
Ca, si allucco, ‘a gente
Ca nun sape niente,
Pò sentì:
“Te voglio bbene”.

Radio Napoli

Radio Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu