(Bovio – Albano) • 1929

Zappatore è la più famosa e rappresentativa canzone del genere della sceneggiata.

Dram­matico e strappalacrime, il brano descrive il momento dell’entrata dello zappatore durante un’elegante festa. L’ambientazione è nella casa del figlio avvocato che, divenuto un «signore», ha ripudiato da anni la sua famiglia troppo umile.

Il momento culminante è nei versi finali, quando il padre orgoglioso grida: “Si zappo ‘a terra chesto te fa onore… Addenòcchiate. E vaseme ‘sti mmane”.

Composta nel 1929, Zappatore vanta numerose interpretazioni e quella di Giacomo Rondinella è una delle migliori. La più significativa è, però, quella di Mario Merola, che arricchì il brano con una gestualità di grande intensità espressiva tanto da farne un autentico capolavoro.

TESTO DI ZAPPATORE

Felicissima sera
a tutte ‘sti signure ‘ncruvattate
e a chesta cummitiva accussì allera
d’uommene scicche e ffemmene pittate!

Chesta è ‘na festa ‘e ballo!
Tutte cu ‘e fracchesciasse ‘sti signure
e i’, ca sò sciso ‘a copp’ ‘o sciarabballo,
senza cercà ‘o permesso, abballo i’ pure.

Chi so’?
Che ve ne ‘mporta!
Aggio araputa ‘a porta
e sò trasuto ccà.

Musica, musicante!
Fatevi mordo onore!
Stasera ‘mmiez’a ‘st’uommene aligante
abballa un contadino zappatore.

No, signore avvocato,
sentite a me, nun ve mettite scuorno?
Io, pe’ ve fà signore, aggio zappato
e sto zappanno ancora, notte e ghiuorno.

E so’ dduje anne, dduje,
ca nun scrive ‘nu rigo â casa mia.
Si ‘ossignuria se mette scuorno ‘e nuje,
pur’io mme metto scuorno ‘e ‘ossignuria!

Chi so’?
Dillo a ‘sta ggente
ca i’ songo ‘nu parente
ca nun ‘o può caccià!

Musica, musicante!
Ca è bella ll’alleria!
I’ mo ve cerco scusa a tuttuquante
ci abballo e chiagno dint’ ‘a casa mia.

Mamma toja se ne more.
‘O ssaje ca mamma toja more e te chiamma?
Meglio si te ‘mparave zappatore,
ca ‘o zappatore nun s’ ‘a scorda ‘a mamma!

Te chiamma ancora “Gioja”
e, arravugliata dint’ ‘o scialle niro,
dice: “Mo torna, core ‘e mamma soja,
Se vene a piglià ll’urdemo suspiro”.

Chi so’?
Vuje mme guardate?
Sò ‘o pate, i’ songo ‘o pate
e nun mme pò caccià!

So’ ‘nu fatecatore
e magno pane e pane!
Si zappo ‘a terra, chesto te fa onore!
Addenocchiate e vasame ‘sti mmane!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu